in

Parla l’infermiere licenziato per colpa di un TikTok: “Chiedo scusa a tutti” – ESCLUSIVA!

Licenziato per colpa di un video su TikTok. L’infermiere rompe il silenzio e chiede scusa: ecco com’è andata la storia!

infermiere licenziato
infermiere licenziato

Ci arriva un DM su Instagram. “Sono l’infermiere che con un video ironico su TikTok ha scatenato tutte le persone dei social, portandomi a farmi perdere il lavoro. Chiedo il vostro aiuto per esprimere il mio punto di vista e chiedere scusa a chi ho offeso involontariamente“. Così lo chiamiamo. Lui è Genny, ha 27 anni e da 6 mesi lavorava in una struttura a Roma. Oggi è sulla bocca di tutti, ed è diventato virale come l’infermiere licenziato a causa di un TikTok. Nel video mima un conato di vomito entrando in un reparto. Lui a Webboh ha raccontato in esclusiva com’è andata:

“Tre giorni fa ho pubblicato un video su TikTok, registrato fuori dall’orario di lavoro, con l’intenzione di essere ironico. Questo video è diventato virale perché interpretato come un video senza rispetto nei confonti dei pazienti. Si è scatenata l’ira del web, anche contro chi mi faceva lavorare. Ieri sono arrivato al lavoro e il mio datore di lavoro mi ha presentato la lettera di licenziamento: ‘Firmi qua e se ne vada’. Non me l’aspettavo proprio”.

Webboh.it

L’infermiere, al telefono, appare davvero pentito e si vuole scusare con chi si è sentito offeso. “Voglio chiedere scusa con chi si è sentito offeso, non era mia intenzione – dice a Webboh -. Sono pronto a chiedere scusa anche di persona. Il mio scopo non era questo. Mi dispiace. Tornassi indietro, non lo rifarei. Voleva essere un video ironico, leggero, anche stupido se vogliamo. Sono stato licenziato per tre secondi di video, la mia vita è distrutta“. “Quei video sono una di rispetto?“, chiediamo. Lui risponde così: “In passato sono stato tre anni in ospedale, e la mia scelta di fare questo mestiere era nata per ricambiare all’amore che era stato dato a me. Non mi permetterei mai di offendere la figura né degli infermieri, né dei pazienti“.

Adesso il 27enne ha disattivato il suo profilo su TikTok e anche gli altri social. “Sto ricevendo dei messaggi terribili, comprese le minacce di morte. Una cosa vorrei dire. Ci sono milioni di video dove colleghi – infermieri, anestesisti, tirocinanti, ginecologi, e chi più ne ha, ne metta – fanno dei video ironici sul loro lavoro, o al contrario video di pazienti che insultano i medici. Il web ne è pieno. Sono video leggeri, sicuramente, ma è il linguaggio di TikTok e quasi sempre ho preso spunto dai video di altri per fare i miei. Non ho mai mancato di professionalità sul posto di lavoro, e quei video avevano solo l’intenzione di ironizzare. Non sono video che mettono a repentaglio i miei pazienti, non lo farei mai. Perché sono stato colpito soltanto io?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *