New entry in casa Cosmyfy, il nuovissimo brand di make up tutto italiano che, a soli pochi mesi di vita, ha già fatto il pieno di polemiche e dramas.

Questa volta il marchio si è servito della collaborazione dell’influencer e make up artist Alessandro Orati per realizzare un progetto davvero ambizioso: una palette composta da quattordici ombretti (di cui undici opachi e tre metallizzati) e ben sei polveri viso. Ieri Alessandro ha caricato il video presentazione del prodotto dove spiega nei minimi dettagli il concept, il pack, l’utilizzo e le accortezze da tenere a mente per permettere alle polveri di performare al meglio.

Più volte ha ribadito di aver seguito lo sviluppo del progetto con impegno e dedizione assoluta, curando in prima persona tutti gli aspetti della palette: dalle formulazioni degli ombretti alla grafica dell’imballaggio, dai diversi inci alla scelta dei colori. Tutto questo, però, non è bastato a spegnere le polemiche che accompagnano Cosmyfy fin dal primissimo lancio; sono infatti molti i commenti critici apparsi sulle varie pagine instagram che hanno repostato la notizia.

Al centro del mirino soprattutto il prezzo del prodotto: 39,90 euro! Questa corposa cifra ha suscitato l’ira funesta degli utenti che, indignati, scrivono: “Con 10 euro in più mi compro quella di Anastasia” oppure “se fosse valida non sarebbero troppi 40 euro, il punto è che Cosmyfy si compra alla cieca senza la possibilità di avere recensioni realistiche” ma c’è anche chi la butta sull’ironia con commenti del tipo “mi dispiace per Zumo che dovrà comprarla!” (facendo riferimento alla diatriba scoppiata lo scorso  febbraio in occasione del lancio dei rossetti liquidi di Cosmyfy).

Insomma noi aspettiamo con ansia le video recensioni di “Maditation”, quelle dei blogger amanti del brand ma soprattutto quelle degli avversatori, comunque speranzosi di trovare pareri onesti, nel bene e nel male.

One thought on “Il nuovo lancio di Cosmyfy: è già polemica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *