in

Il profilo Instagram di Iconize è sparito: è stato disattivato – riassuntone di quel che è successo

Il profilo Instagram di Iconize è stato disattivato. Andando sul suo profilo, infatti, non compare più nulla. Dal cellulare compare la scritta “Utente non trovato“. Dal pc si legge “Spiacenti, questa pagina non è disponibile. È possibile che il link che hai seguito sia corrotto o che la Pagina sia stata rimossa“. E’ possibile che sia stato lo stesso influencer a disattivare il suo profilo (che continuava a perder followers) dopo le polemiche di questi giorni. Già ieri aveva annunciato una pausa da internet: “Per me è diventato un po’ una gabbia, non capisco più che cos’è Iconize e che cos’è Marco. Se Internet mi ha portato a fare tale gesto mi faccio anch’io delle domande, perché quella che ho fatto è una cosa orrenda“.

Facciamo un riassuntone per chi si è perso le “puntate precedenti”. All’interno della Casa del Grande Fratello Vip, la concorrente Dayane Mello ha svelato a Tommaso Zorzi che l’aggressione omofoba che Iconize aveva “denunciato” nei mesi scorsi era finta e fatta per hype. All’inizio Iconize aveva smentito questa cosa parlando di accuse gravissime. Ma è stata la sua (ex, a questo punto) amica Soleil Stasi a dire tutta la verità: Marco Ferrero non era stato realmente aggredito, ma si era colpito da solo per procurarsi il livido mostrato sui social.

Iconize ammette tutto e chiede scusa: le sue parole

Ieri Iconize è tornato sui social per vuotare il sacco e dire tutta la verità:

“Quando è successo tutto quanto era un periodo molto buio, ho subito molte violenze psicologiche ed ero uscito da storie tossiche. Non era un bel momento, tutti abbiamo dei momenti sbagliati e facciamo delle gran cazzate. Mi vergogno di quello che ho fatto, dico anche che tutti possiamo sbagliare, siamo umani. Alzi la mano chi di noi non ha mai fatto una cazzate in vita sua. Mi vergogno anche che qualcuno possa ridicolizzare questa cosa dicendo che mi sono tirato un surgelato in faccia. Non è andata così, non l’ho fatto. Come mi sono fatto male lo so io ma non è andata come in quella scenetta ripugnante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *