in

“Chi è orfano vuole solo amore”, Hanna Braids favorevole alle adozioni per le coppie omogenitoriali!

Hanna Braids ha raccontato le sue difficoltà in Etiopia, durante l’infanzia, poi ha lanciato un messaggio positivo riguardo l’adozione da parte di coppie omogenitoriali!

Hanna Braids
Hanna Braids

Hanna Braids, la tiktoker di origini etiopi classe 2002, oggi ha dato una grande prova di maturità, lanciando un messaggio molto positivo. Ha dapprima raccontato una parte molto triste e delicata della sua infanzia, per poi dare un grande insegnamento a tutt*. Ha spiegato che lei e suo fratello, orfani di padre, sono stati in una casa famiglia in Etiopia, con altri 700 bambini. Un luogo dove non c’erano prospettive per il futuro, dove loro due erano dei soggetti anonimi, privati di tutto.

Poi sono stati adottati da un uomo e una donna italiani. Hanna ha però affermato che, in quella situazione, a loro non interessava chi li avrebbe accolti: volevano solo una famiglia, sicurezza e amore. A loro non avrebbe cambiato nulla avere due genitori entrambi maschi, o entrambe donne. L’adozione, poi, è una pratica lunga e complessa, che verifica la stabilità mentale, finanziaria e fisica dei genitori. Motivo per cui, se una coppia omogenitoriale (formata da membri dello stesso sesso), volesse adottare, dovrebbe averne la possibilità, come le altre coppie:

Io sono originaria dell’Etiopia, sono orfana di padre e sono stata messa in una casa famiglia all’età di 4 anni, ci sono rimasta per due anni. Due anni in cui io e mio fratello siamo stati privati di tutto, eravamo solamente due soggetti. Siamo poi stati adottati da una famiglia tradizionale, composta da una madre e un padre. Perché noi, dopo tutto quello che abbiamo passato, se ci fossimo trovati davanti due mamme o due papà, avremmo detto: “No, assolutamente, rifiuto l’offerta e vado avanti, preferisco rimanere qua in Africa, morire di fame, non avere un futuro”? Io quando ero piccola ero alla ricerca di poche cose: amore, sicurezza e famiglia funzionale. Tutto il resto ai bambini non interessa, due papà, due mamme… Tutti questi limiti mentali ci vengono inculcati dall’ambiente esterno, dalle persone ignoranti. Quando nasciamo non ce li abbiamo. I miei genitori per adottarci ci hanno messo tre anni, in cui hanno fatto visite e in cui li hanno controllati moltissimo. Quindi se una coppia omogenitorialità vuole adottare, non ha nulla da nascondere, se ha qualcosa che non va, verrà scoperto. A me da bambina non interessava se ad adottarmi fossero due donne o due uomini, mi importava scappare da quella vita.

Hanna Braids ha detto qualcosa di molto importante: i bambini non hanno limiti mentali, vengono loro trasmessi dagli adulti. Per un bimbo è l’amore che conta! Bravissima Hanna, abbiamo bisogno di messaggi come questo!

@hannabraids

Se ancora non riuscite a capirlo mi dispiace per voi. Veramente mi dispiace per voi e per i vostri limiti mentali.

[Foto: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.