Gordon pubblica il video della sua canzone: “Caso Umano“. Dopo “Si sboccia Poveri” e “Non fare la sottona”, il creator milanese è tornato a farci divertire.

Cantato insieme a Folza, il pezzo è ballabile e super estivo. Gordon affronta, a colpi di parrucche, il mondo femminile analizzando – in questo caso – tutti quei ragazzi che spariscono a inizio estate, i casi umani.

Testo di “Caso Umano”

Arriva giugno e guarda caso tu mi lasci
E cerca di capire anch’io ho bisogno dei miei spazi
Ti giuro che ti amo e vorrei ancora amarti
Ma al mare con la tipa non ha proprio senso andarci Con queste scuse quindi adesso te ne vai
E visto che sei single chissà quante te ne fai
Ed io che neanche canto guarda cosa mi fai fare
Al Rigatoni in piedi per mandarti a cacare
Io non dico che poi debbano sparire
Ma qualcuno mi spieghi come funziona il cervello maschile
Tra quello che mi scrive e non risponde più
Sparisce sempre con le spunte blu
Quello che mi dice di essere diverso
E io nella mia mente penso, “Scusa, in che senso?”
Non dico che voi siete tutti uguali, o almeno quasi
Tutti diversamente casi umani No, quest’estate voglio andare
Non soffrire, non pensare
Ho capito si può stare, forse, meglio senza te
Ora ho voglia di ballare
Solo sabbia, luna e mare
Con me avevi il mondo in mano
Ma sei un caso umano Mille domande, ma risposte non ne ho
Ti chiedo, “Cosa siamo?”, mi rispondi, “Non lo so”
Ma sono stufa di sentire questo jingle
È solo un’altra estate in cui vuoi rimanere single
Sei come quelli che non sanno quale scegliere
Ma un piede in due scarpe non va bene, è semplice
E come gli altri anche tu da me sparisci
Ritorni poi a settembre ancora solo e non capisci che Io non ti voglio aspettare
E non provare a chiamare
Tanto ora sono a Formentera
Non mi potrai trovare
Io non ti voglio aspettare
E non provare a chiamare
Vado al Pineta, il telefono è a casa
Non mi potrai trovare No, quest’estate voglio andare
Non soffrire, non pensare
Ho capito si può stare, forse, meglio senza te
Ora ho voglia di ballare
Solo sabbia, luna e mare
Con me avevi il mondo in mano
Ma sei un caso umano No, quest’estate voglio andare
Non soffrire, non pensare
Ho capito si può stare, forse, meglio senza te
Ora ho voglia di ballare
Solo sabbia, luna e mare
Con me avevi il mondo in mano
Ma sei un caso umano Con me avevi il mondo in mano
Ma sei un caso umano
Con me avevi il mondo in mano
Ma sei un caso umano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *