in

“Chiusa in casa, da sola, da due mesi perché positiva al Covid”: la storia di Giulia Pelagatti

Quando è due mesi che sei chiusa in casa positiva al Covid e vengono a farti l’ennesimo tampone“. Il video di Giulia Pelagatti, pubblicato su TikTok, in 15 ore è stato visto da più di un milione di persone. La storia della ballerina ha colpito un po’ tutti, perché ha dell’incredibile. Noi di Webboh l’abbiamo contattata per farci raccontare qualcosa di più.

Giulia ha 21 anni ed è una ballerina (qualcuno se la ricorderà nella scuola di “Amici”, nel 2016). Ebbene, la ragazza è chiusa in casa dal 26 agosto. Da sola, senza contatti con la famiglia e gli amici. Tutto è nato ad agosto. Racconta: “Ho lavorato nel mese di agosto in Sardegna come ballerina. Facevo degli spettacoli in un ristorante prestigioso, dove gli ospiti erano perlopiù personaggi famosi (gli stessi che poi sono finiti sui giornali perché risultati positivi). Io non avevo alcun sintomo, ma prima di rientrare a Roma ho deciso di sottopormi a un tampone“.

Il risultato di quel primo tampone è risultato positivo anche per lei. “Era il 26 agosto e mai mi sarei immaginata che sarebbe durata così tanto. Mi dare una pacca sulla spalla da sola. Ho anche perso un sacco di lavori“. Giulia Pelagatti ha avuto qualche sintomo (mancanza di gusto e olfatti, stanchezza, dolori ossei e muscolari) soltanto nei primi dieci giorni. Al momento si trova in una casa a qualche chilometro dalla sua famiglia, in completa solitudine. Lì, in questi due mesi, ha cominciato a raccontare la sua quarantena tramite Instagram e TikTok (“Per aiutarmi a passare meglio le giornate“).

Qualche ora fa ha fatto l’ultimo tampone, il decimo in due mesi. Speriamo che sia l’ultimo e che questo incubo possa finire. Forza Giulia!

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maci Currin, la donna con le gambe più lunghe al mondo, diventa una star su TikTok

Sofia Sembiante: “Sono in cura da uno psichiatra” – ecco la sua storia