in

Ginevra Olmo contro Irina Dolla: “Hai dato della ridicola a una bambina di 11 anni” – ecco cos’è successo!

Con un TikTok, Ginevra Olmo si è schierata contro Irina Dolla perché avrebbe dato della ridicola a una fanpage. Ecco cosa è successo.

Gingi contro Irina Dolla
Gingi contro Irina Dolla

Nelle ultime ore, su TikTok è nato un altro drama, questa volta di portata molto diversa rispetto a quelli a cui siamo abituati. Ginevra Olmo, conosciuta anche come Gingi, si è schierata contro la “mamma moderna” Irina Dolla. Il motivo? Irina avrebbe dato della ridicola ad una sua vecchia fanpage, passata dall’idolatrare Irina a idolatrare Ginevra (quindi da “irinanonlasciarmimai” a “ginginonlasciarmimai”), senza sapere che a gestirla fosse una fan di appena 11 anni.

Con un TikTok, Gingi ha raccontato il suo punto di vista sull’accaduto, esprimendo tutto il suo stupore nei confronti delle parole usate dalla collega:

Oggi, finalmente, anche io posso fare una polemica. Mi rivolgo proprio a lei, Irina Dolla. Da quanto ho capito, questa mia nuova fanpage, ieri era una sua fanpage. Questa cosa evidentemente l’ha ferita molto, perché è arrivata a dare della ridicola a una bambina di 11 anni. La ragazza dietro questa famosa pagina ha 11 anni, quest’anno deve andare in prima media!

Dopodiché, Ginevra Olmo ha concluso il video assumendo un tono molto più serio e pacato, invitando Irina Dolla ha moderare il linguaggio:

Io consiglierei alle donne come Irina di calibrare un attimo le parole quando le usiamo. La parola “ridicola” detta da te che probabilmente devi avere 30 anni, rivolgendoti a una bambina di 11, perché? Perché ti ha cambiato il nome della fanpage? È successo mille volte anche a me di vedere che un giorno una fanpage era mia e il giorno dopo era di Pamela Paolini.

Seppur la polemica abbia attirato l’attenzione di migliaia di utenti, Irina non ha ancora risposto alle parole di Ginevra. La vicenda può considerarsi chiusa o dobbiamo aspettarci un colpo di scena?

[FOTO: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.