in

Gianmarco Zagato, i fan gli “rubano” l’account di Amazon: ecco cosa hanno provato a comprare

Negli scorsi giorni un video di Gianmarco Zagato ha attirato l’attenzione dei fan più scaltri. Infatti in un piccolissimo frame durato un paio di secondi si sono potute vedere le credenziali di accesso per l’account Amazon dello youtuber. Il video in questione trattava un unboxing di un pacco misterioso (“APRO UNA SCATOLA DAL DEEP WEB *AGGHIACCIANTE*). Alcuni utenti hanno provato a rubare il suo profilo per comprare oggetti di vario tipo.

Al minuto 00:34, mentre Gian riprendeva lo schermo del proprio telefono, ha aperto una pagina riguardante il deep web. Purtroppo, nel momento di mostrare il sito, si è intravista una pagina di appunti nella quale erano riportate email e password del suo account Amazon. La presunta disattenzione dello youtuber ha quindi fatto rizzare le antenne agli spettatori più furbi, che hanno cercato di accedere al profilo dell’influencer. Tuttavia, Zagato non ha cancellato la parte incriminata del video e ciò ha destato qualche sospetto sulla veridicità dei dati.

Errore madornale?“. No, semplicemente Gianmarco Zagato ha teso una trappola ai furbetti e ha lasciato che provassero a comprare prodotti tramite il suo account Amazon. Una sorta di esperimento sociale, dove i fan sono stati messi alla prova per la loro integrità morale: un simile gioco era stato provato da Gianmarco quando aveva pubblicato erroneamente il suo numero di telefono.

Nel video di chiarimento, Gian ha mostrato che alcuni suoi follower hanno tentato di acquistare prodotti di vario tipo per il valore di circa 5.000€. Fortunatamente la carta inserita da Gianmarco era fasulla e questo gli ha permesso di non spendere nulla. L’articolo più desiderato è stato l’iPhone 11 in svariati modelli, seguito da cibo, orologi e arredi per la casa.

Tragedia scampata per Gianmarco, che si trova con il proprio conto intatto e con qualche consapevolezza in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *