in

“Ti prendono in giro perché sei cringe”. Gavino Piredda mette a tacere gli haters: “Sono stanco”

Tra una Coche Cole e un’interpretazione di Harry Potter, Gavino Piredda è diventato spesso virale su TikTok. 19enne, calabrese: ha superato il traguardo di 500mila follower sulla piattaforma. Eppure il tiktoker deve fare spesso i conti con l’ironia (e la cattiveria) di chi lo segue. Qualche ora fa ha pubblicato un video dove chiede rispetto: i commenti cominciano a fargli male:

“Sono stanco di sentirmi insultare dalla gente in maniera gratuita. Non sto parlando della Coca Cole. Ci sono persone molto più grandi che prendono in giro la mia ituazione e di mio padre, non credo sia una situazione delle migliori. Queste persone nella vita non hanno nulla da fare e magari si divertono a prendere in giro gli altri per qualche like o follower. Lo fate solo per hype. Ci sta che io sbagli parole o pronunce, ma io porto me stesso qui. Non recito un copione”, ha detto.

Una persona gli ha scritto: “Ti prendono in giro perché sei cringe“. Lui ha risposto: “Lo so, ma fore lo faccio apposta! Ma per farvi sorridere un po’… non c’è bisogno di fare insulti pesanti. Crescete un po‘”. Gavino ha anche svelato:

“Anche se mi insultate, per me siete molto. Quando sono giù di morale dico: caspita, ci ono quasi 600mila persone che credono in me, gli piaccio come sono realmente. Non mi arrabbio per gli insulti. Ma se attaccate la mia famiglia, senza motivo, non ci sto più. Come io non vi ho fatto niente, loro neppure. Prima di aprire la bocca, sciacquatevela, ancora vi puzza di latte. Svegliatevi. Mia mamma è rimasta sconvolta: siete cattivi e maleducati”.

In compenso il tiktoker ha ricevuto grande solidarietà e vicinanza, anche da parte del collegiale Marco Crivellini: “Mi dispiace, so che è difficile ma vai avanti fra“.

Qui la canzone di Gavino Piredda

@gavino_piredda

…se mi avesse davanti questi insulti non me li fareste, perché siamo tutti bravi dietro ad uno schermo a farci i forti. FATEVI UNA VITA…

♬ suono originale – Gavino Piredda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *