in

Gaia Clerici dice cosa pensa di chi gli invia foto intime (non richieste) in DM su Instagram

Foto intime nei DM. Gaia Clerici critica il gesto e racconta la sua esperienza.

Gaia Clerici
Gaia Clerici

Gaia Clerici critica chi invia nudes non richiesti su Instagram. L’invio di foto delle parti intime in chat è sicuramente un problema molto diffuso online, che riguarda soprattutto le ragazze. Gaia ha deciso di raccontare la sua esperienza magari sperando di far calare il fenomeno spiegando che queste azioni non portano a nulla e creano solo fastidio. Il più delle volte portano chi li riceve a stare lontano dai messaggi privati proprio per paura di trovare una foto indesiderata. Ecco cosa ha detto:

Mi sono lamentata dal fatto che spesso mi arrivano “così” in DM. Comunque veramente succede spesso infatti apro sempre meno perché quando vedi la roba blu con scritto apri… devi aprire per vedere e tu sai che sarà un pen&, ma dici: “Devo aprirlo non può rimanere blu”. Quindi lo apri e dici: “Che schifo”. […] Parliamoci chiaro, non è bello: non è una bella roba da vedere a prescindere, c’è quindi fa schifo e basta. Veramente brutti, io non amo proprio il coso così da solo. Non è una questione di essere lesbiche, obiettivamente sono brutti. Il seno è bello, il corpo anche maschile è bello, ma il coso così non me piacciono mica. Sapete perché alle statue dei greci mettevano il pene piccolino perché era brutto altrimenti.

Gaia Clerici è stata quindi molto chiara: troppo spesso i ragazzi inviano foto intime che nessuno ha richiesto. Per questo motivo la creator sta cercando di evitare di aprire i DM soprattutto perché tende ad aprire le foto temporanee visto che nella schermata risaltano. Il discorso si sofferma soprattutto sul fatto che quella parte del corpo presa da sola non ha nulla di bello ma la critica viene mossa anche a chi magari ci mette la faccia. Sarà riuscita a convincere i ragazzi a non inviargli più foto?

[FOTO: TWITCH]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *