in

Gaia Clerici debutta come cantante con il brano “Dimmi”! Ecco perché ha scelto di dedicarsi alla musica

Gaia Clerici ha pubblicato il suo primo singolo, Dimmi. La creator spiega perché ha deciso di dedicarsi alla musica

Gaia Clerici Dimmi
Gaia Clerici Dimmi

Due giorni fa Gaia Clerici aveva pubblicato nelle Storie di Instagram una data: 2 novembre 2022. Tutt* avevano capito che si trattava del lancio di un nuovo progetto, ma nessun* poteva pensare che si trattasse del suo debutto come cantante. Ebbene sì: la creator ha annunciato l’uscita del suo primo singolo, Dimmi, da mezzanotte disponibile su tutte le piattaforme. Poco fa Gaia, sempre nelle IGS, ha spiegato, perché ha deciso di dedicarsi alla musica. Il racconto parte da lontano, ovvero da quello che ha fatto nella vita per vivere:

Il lavoro, ciò che è alla base della nostra vita: cresciamo e studiamo per trovare lavoro, per guadagnarci da vivere. Ho sempre apprezzato lavorare più che studiare. Giovanissima mi sono ritrovata a pulire i tavoli di un bar, a consegnare volantini in strada nei mesi più freddi, a vendere gioielli preziosi. Sapevo che non avrei fatto quei lavori per sempre, ma notavo che, giorno per giorno, imparavo a stare al mondo, a parlare con le persone. Capivo cosa mi piacesse davvero e cosa no. Mentre la mia vita andava avanti, tra un lavoro e un altro, con il dubbio costante di chi volessi essere e cosa volessi fare da grande, succede qualcosa.

Quel qualcosa è il mondo dei social: “Si apre davanti a me un mondo parallelo, pieno di persone che mi seguono, mi ascoltano, mi guardano. La mia vita andava avanti e questo mondo parallelo diventa sempre più vasto. Per me un gioco, uno sfogo. Conosco un sacco di persone, trovo nuovi amici e con il tempo trovo anche un posto in questo mondo, dove le persone mi ascoltano, dove mi diverto a passare il tempo. Diventa un impegno fisso che, però, non mi toglie il dubbio. Ma io volevo fare questo da grande?“. La risposta sembrerebbe essere no, perché, come dice nella storia successiva, il suo sogno era quello di diventare una cantante, una passione che le ha trasmesso suo padre, musicista:

Tutti da piccoli ci ricordiamo come rispondevamo alla fatidica domanda: “Cosa vuoi fare da grande? E la mia risposta era sempre la stessa: la cantante. Mio padre, musicista e compositore, ha sempre cercato di trasmettermi questa passione. Ogni settembre mi convinceva a iscrivermi a un corso per imparare a suonare uno strumento, che puntualmente lasciavo, perché ero troppo dislessica per collegare la mente alle dita. L’unico corso che facevo costantemente era il canto. Cantavo in chiesa la domenica, senza aver neanche fatto la comunione. Cantavo in un musical, prendevo lezioni di gruppo e singolarmente. Mi facevo regalare un cd per il Cantatu ogni anno per avere canzoni nuove da cantare, frequentavo il coro della scuola e guai alla prof quando non mi dava la parte da solista. Ci rimanevo molto male.

Per Gaia Clerici il desiderio di cantare è quasi un’esigenza quasi terapeutica: “Da anni, anni e anni, raccolgo i miei stati d’animo nelle note. A volte in rima, a volte no. Cercavo di scrivere il più chiaro possibile cosa provassi in quel momento. Lo facevo per non dimenticarmi mai di ciò che ho passato“. Finalmente è arrivata l’opportunità tanto attesa:

Ho avuto la fortuna di vedere delle persone lavorare in studio e, appunto, la prima volta che mi ci sono trovata per provare a registrare il mio primo pezzo, mesi fa, ho scelto un beat, che mi trasportasse. E niente: tutto è venuto in modo così naturale che l’unica cosa che mi sono chiesta è stata: “Ma perché non ho provato prima?”. Ad oggi, sono passati mesi di lavoro e di emozioni e i miei testi finalmente hanno preso una melodia. Non c’è stata cosa più bella che sentire la mia storia raccontata in musica. Ci sono state tante persone nella mia vita che non hanno creduto in me. E ai tempi mi sono dimenticata della cosa più importante, ovvero, che se fai una cosa è soprattutto per te stessa.

La creator conclude il suo messaggio sottolineando la sua soddisfazione “In questi mesi mi sono ascoltata la mia musica, fiera del mio lavoro e non c’è cosa che mi abbia resa più felice” e soprattutto, la bellezza della scoperta di una grande verità: “Non avevo bisogno che qualcuno ci credesse. Dovevo crederci io“. Da mezzanotte esce Dimmi e finalmente scopriremo cosa ci vuole raccontare Gaia Clerici accompagnata da un beat…

[FOTO: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.