in

Gaia Bianchi racconta com’è essere famosa a 17 anni – la sua confessione

Com’è essere famosi a 17 anni? Gaia Biianchi ha parlato degli aspetti negativi in una storia Instagram.

Gaia Bianchi
Gaia Bianchi

Gaia Bianchi parla di com’è essere famosi a 17 anni. In una recente storia Instagram un utente ha chiesto alla TikToker: “Oltre ai pro ci sono anche dei contro nell’essere diventata famosa alla tua età?” Ovviamente Gaia ha risposto sottolineando che nell’essere conosciuti a quest’età ci sono anche degli aspetti negativi che riguardano il rapporto con le persone e la gestione dei soldi. Ecco cosa ha detto:

Sì, ho bruciato tante tappe essendo indipendente e trovandomi in determinati ambienti poi anche la questione dei soldi, è difficile dargli la giusta importanza quando fai soldi senza fare fatica. E poi sono una con le mani bucate. Dove posso spendere spendo. Anche riguardo alle amicizie, a 17 anni pensi a socializzare con tutti, a fare nuove conoscenze… io invece devo stare attenta alle persone che si avvicinano a me solo per i loro scopi, per il fatto che io sia conosciuta e anche per le mie conoscenze. La gente è opportunista e spesso pensano di potermi prendere per il c*lo solo perché sono piccola.

Gaia Bianchi sostiene quindi che essere diventata indipendente così in fretta ha creato in lei anche dei problemi. In più dice di non essere abbastanza formica, ma più cicala: insomma, risparmia poco e spende troppo, senza riuscire a dare abbastanza importanza ai soldi. Il più grande problema resta però il contatto con le altre persone. Molti altri influencer hanno parlato della difficoltà di fidarsi degli altri che spesso vogliono creare rapporti solo per il proprio tornaconto. Per Gaia la situazione è ancora più complicata, visto la sua giovane età.

Essere famosi quindi presenta sia aspetti negativi che positivi. Avere tanti follower può portare le persone a sfruttarti e riuscire a guadagnare facilmente in giovane età può non farti capire il reale valore dei soldi. E voi, cosa ne pensate?

[Foto: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *