Favij contro tutti gli youtubers italiani. Tranquilli: non è impazzito, ma si tratta semplicemente di una challenge a cui Lorenzo Ostuni ha partecipato durante un’ospitata a Radio Deejay. Lo youtuber ha dovuto cantare una canzone in metrica rap (non scritta da lui), che di fatto è un dissing contro tutta Youtube Italia.

“Oggi fare questo lavoro è un po’ il sogno di tutti quelli che guardano questo mondo e vedono dove siamo arrivati noi. Molti ci provano perché ci vedono qua, ma noi abbiamo iniziato perché ci piaceva farlo. Il consiglio che diamo a tutti è: divertitevi. Non è stato facile, ma per noi è stato un gioco. Ci siamo divertiti”.

“Ho passato varie fasi della mia vita. Non ho mai cercato di essere all’apice, ma mi ci sono ritrovato. Ho passato un periodo più easy, ma non parlerei di sofferenza perché non ho mai iniziato volendo fare successo. Non mi è pesato più di tanto. Oggi me la vivo come due anni fa, non è cambiato niente per me”, ha detto lo youtuber.

Ma ecco il testo del dissing di Favij:

Tu non hai le views, lo stile e i video flosci

sogni di essere il baffo di Rovazzi e Kokeshi

vali tanto quanto un post di Cicciochi?

questa qui è la prima che non sei un vero artista

in Italia, in Europa o nelle favelas

mi fa schifo tutto, pure iPantellas

sono amici sì ma non so perché

resti intrappolato dentro questi Me Contro Te

una volta la vidi mi parlò e poi rise

era la “e” tra la parola Matt e Bise

c’è chi ti difende anche se poi zitto zitto

sogni le tendenze di Youtube col sottoscritto

ci provi con la musica tipo Giulia Penna

puzzi più di Babbo Natale, anzi della renna

pure la Pagani ti ha scartato dai suoi video

LaSabrigamer lascia Anima

io ti guardo e rido

litighi con Yotobi, ok, e allora?

e questa reaction che fai mi fa schifo

quindi basta, io non so chi sei, iscriviti a quel cazzo di canale

Baby K

Alla fine del dissing, lo speaker radiofonico Wad ha lanciato la sfida: “Ormai è guerra. Vogliamo vederti sul ring come Logan Paul e KSI“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *