in

Che fine hanno fatto i Fancazzisti Anonimi? Parla Simone: svela cosa fa adesso e perché il progetto è stato chiuso

Che fine hanno fatto i Fancazzisti ANOnimi? Se lo staranno chiedendo ormai da anni i fan della crew di amici che dal 2011 al 2016 hanno divertito milioni di persone su Youtube. L’ultimo video caricato sul loro canale, più precisamente, risale al 3 giugno 2016. Da quel momento, ormai di quattro anni fa, i Fancazzisti sono letteramente “spariti” dal web.

Simone Rosini e Valerio Pizzichini erano migliori amici nonché compagni di classe quando decisero di sbarcare sul web con questo canale dove, di tanto in tanto, comparivano anche Alessio, Lais Guinananes (la – finta – fidanzata di Simone) e Dhalsim. Tra le serie che li hanno resi famosi c’è senz’altro quella su Chatroulette ma anche #ANImaliDiMerda.

Che fine hanno fatto i Fancazzisti Anonimi?

Ebbene, dal 2016 a oggi dei Fancazzisti si erano un po’ persi le tracce. Ospite del Cerbero Podcast, Simone ha raccontato cosa è successo in questi anni:

“Ho deciso di prendermi un periodo di pausa perché non mi rispecchiavo più in quello che stavo facendo. Mi sono divertito e mi sono tolto tante soddisfazioni, ma non era nato con uno scopo duraturo. Il progetto è cresciuto troppo, tutto insieme, e non ho saputo bene gestirla. Non c’era un piano marketing dietro. Un po’ mi stava stretto quel canale. (…) Quando ho deciso di staccarmi dal web avevo preso un po’ di scottature. Sentivo il bisogno di staccarmi”.

I Fancazzisti ebbero anche dei problemi con un’agenzia di management:

“Insieme ad altri pochi youtuber abbiamo fatto da apripista firmando con Casadei. Questa cosa non era ben vista da molti della community italiana. Alcuni canali grossi ci hanno buttato merda e hanno fatto disinformazione, hanno fatto partire una shitstorm dicendo che compravamo views. Che non sia stata un’esperienza positiva per noi stare con il management in questione è una cosa che resta nella sfera privata. Son successe delle cose che non ci hanno fatto piacere”.

Quando Simone si è fermato, ha cominciato a lavorare per un network di Radio Italia. “E’ stato interessante e mi ha fruttato. Ho assaggiato la vita da un punto di vista diverso. Lavoravo non più come content creator, ma sentivo il bisogno di continuare a esprimermi. Sento il bisogno di editare. Infatti, anche se nessuno lo sa, ho editato dei video di altri youtuber. Mi mancava farlo. Ho passato un periodo difficile e non mi soffermo su questo (…) Ho rifiutato un contratto a tempo indeterminato e ho detto: ‘Voglio tornare a fare video'”.

Attualmente Simone Fancazzista si è buttato su un nuovo progetto: InnTale. “Sono voluto tornare su Youtube con qualcosa che non fosse mai stato fatto“. All’interno del progetto c’è Matt. Assieme giocano a Dungeons & Dragons. InnTale è una casa di produzione italiana focalizzata sulla realizzazione e diffusione di campagne GDR, fumetti, manuali e Giochi da Tavolo. Il team è composto da content creator del web, doppiatori, streamer, attori, e illustratori professionisti.

E Valerio? Ha aperto un brand, Mymistakebrand, e anche un’agenzia di comunicazione insieme al coinquilino di Simone (Dangereesk), DabDigital.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Matias Caviglia, foto con la sua ex Rebecca Garofalo su Instagram solo per i like?

Gaia Bianchi bacia un tiktoker in un video musicale, ecco chi è