in

Cosa significa il meme Evil Be Like? Ve lo spieghiamo noi (con un esempio su Webboh)

Il meme Evil Be Like rende cattive le citazioni dei personaggi noti. Ecco il suo significato.

Evil Be Like meme
Evil Be Like meme

Evil Be Like è il nuovo meme che sta conquistando i social. Negli ultimi giorni è molto probabile che vi siate imbattuti in una foto con i colori visibilmente modificati e una didascalia molto precisa. Nella parte superiore c’è la parola “Evil” seguita dal nome del personaggio raffigurato nella foto e le parole “be like“. In basso si trova invece una frase che potrebbe essere una citazione del personaggio raffigurato ma leggermente “incattivita” o distorta. Ma qual è il vero significato del meme?

Nel meme Evil Be Like gli utenti utilizzano le foto di un cantante, attore o un qualsiasi volto noto modificandone per prima cosa i colori attraverso dei filtri come quello che rende i colori negativi (noi, per esempio, abbiamo usato questo sito qui che trovate nel link). All’immagine viene poi aggiunta una didascalia che riporta una citazione molto nota del personaggio raffigurato a cui però viene rovesciato il significato rendendolo più cattivo. Per questo motivo il nome del meme è Evil Be Like che letteralmente si tradurrebbe in: “Malvagio X essere come“. Per fare un esempio, se Giovanni Muciaccia di Art Attack la didascalia potrebbe essere: “Usate forbici dalla punta affilata“. Ma tiriamo in ballo anche Webboh. Una delle frasi più utilizzate nei titoli del sito è: “Facciamo chiarezza“. Se volessimo quindi incattivire la citazione potremmo scrivere: “Non chiariamo nulla“. Ecco il meme completo:

Evil Webboh Meme
Evil Webboh Meme

Ma dove e quando è nato questo meme? Secondo knowyourmeme la prima volta che questo genere di immagini è comparsa online è stato il 12 settembre del 2021. La pagina Facebook Pains of Hell Wellness Clinic ha condiviso una foto modificata di Martin Luther King con la didascalia: “I have a nightmare”, cioè “Io ho un incubo“. Da quel momento migliaia di foto sono state condivise online sui social più conosciuti.

[FOTO: TIKTOK]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *