in

Euphoria Challenge, ecco la spiegazione del nuovo trend di TikTok

Ultimamente su TikTok e Instagram sta spopolando una nuova Challenge ispirata alla serie tv statunitense Euphoria, scritta e diretta da Sam Levinson. La serie racconta la storia di Ru (interpretata dalla famosa attrice Zendaya), una ragazza che ha dovuto combattere con disturbi dell’attenzione, attacchi di panico e un probabile bipolarismo durante tutta la sua infanzia. Pertanto crede che la sua vita non possa andare avanti senza l’uso di droghe.

Levinson con questa serie vuole mettere a nudo la realtà che vivono gli adolescenti di oggi in tutte le sue sfumature più crude come la violenza, la depressione, il sess0, l’uso degli stupefacenti. O comunque tutto ciò che può appagare la ricerca costante di quel senso di euforia che voglion provare a tutti costi (quasi sbagliando o esagerando) i giovani. La protagonista si ritroverà a vivere spesso nel mondo psichedelico delle discoteche che viene
rappresentato grazie all’uso di glitter, led colorati e toni saturati.

Sono proprio questi i requisiti della Euphoria Challenge, ricreata da moltissimi creator ed influencer italiani ed internazionali. Qualche nome? Avani Gregg, Addison Rae, Rosalba Andolfi, Cecilia Cantarano, le sorelle Abby e Charlotte Roberts, Jenny De Nucci e Maryam Cherif, ma anche James Charles e Daniele Davì. Loro, come moltissimi altri, hanno sfoggiato dei make-up colorati, soprattuto sui toni del viola\porpora tipici della serie, ricchi di luce conferita dai glitter o dalle gemme applicate sul viso.

Attendiamo che la tanto discussa serie venga messa, in onda anche in Italia dal 26 al 29 settembre su Sky Atlantic.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valentina Vignali, un uomo le scatta di nascosto foto in costume: “Fa pena, lo denuncio”

samantha frison stato di salute

Samantha Frison aggiorna i fan sulla sua salute: “Felice di tornare a vivere da normale diciottenne”