in

EmiLife: “Sono gay ma non è stato facile: avevo i sensi di colpa, non credevo di potermi innamorare di un uomo”

EmiLife ha fatto coming out il 17 maggio durante la giornata contro l’omofobia. Ha scritto: “Mi sono innamorato e sono felice. Non ho mai parlato della mia relazione prima d’ora, non ho mai sentito il bisogno di farlo. Oggi però è la giornata mondiale contro l’omofobia e ho deciso di condividerla con voi. Ecco la persona che ho la fortuna di avere al mio fianco ormai da oltre un anno. Ho il privilegio di poter parlare a tante persone e se il mio espormi può aiutare anche solo uno di voi a uscire dalla paura di amare, allora sono sereno. Ci vuole un grande coraggio a fare coming out e ognuno deve sentirsi libero di farlo o non farlo con i propri tempi. Ma vi posso assicurare che dietro quel muro la vita è bellissima“.

L’influencer, al secolo Emanuele Ferrari, seguito su Instagram da 1 milione e mezzo, è fidanzato con Andrea Iori. E’ stato lui a fargli capire cos’è l’amore.

“Ho capito di non essere sbagliato quando ho conosciuto Andrea – ha raccontato a Muriel sul suo canale -. Abbiamo iniziato a sentirci. All’inizio è stato complicato nella mia testa: mi stavo sentendo con una persona che non era una ragazza. Dicevo: io posso avere una relazione solo con le ragazze. Sapevo quel che mi piaceva, ma non pensavo che mi potessi innamorare di un uomo. Pensavo potesse esserci soltanto la cosa fisica: cazzata. Lui ha iniziato a scrivermi su Instagram. Io gli rispondevo la sera così avevo tutta la giornata per meditare, poi la mattina successiva avevo i sensi di colpa. Mi bloccavo e mi dicevo ‘forse è meglio di no'”.

EmiLife ha anche parlato del coming out:

“Il coming out? Ce l’avevo mente da un sacco, più che altro sul come farlo: volevo farlo in modo semplice ma forte. Ho scritto due semplici righe. Avevo più ansia per quello che ne comportava dopo, però non dalla mia parte: ero consapevole di quello che ero, l’avevo già detto a tutti con libertà. La mia paura era legata alle persone che mi stavano vicine. Ci ho riflettuto molto e poi ho detto: ‘Io sono così, non cambio e non sono sbagliato. Voglio semplicemente dire che sono libero e felice della persona che sono'”.

Love is love.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *