in

DripCrib, enormi party nella villa durante l’emergenza Covid-19 e mobili distrutti: i vicini protestano

DripCrib
DripCrib

DripCrib, content House fondata nel febbraio 2020 da Devion Young, di cui fanno parte Dedrick Spence, Abel Carden, Desmond Spence, Chris Weaver, Emiliano Decontreras Jr, è sotto accusa. Il noto account Twitter Def Noodles ha fatto una serie di tweet su di loro in cui racconta di continue lamentele nei loro confronti: la DripCrib ha organizzato enormi Party, ben documentati, non rispettando le linee guida anti-Covid di Los Angeles. Droghe, Alcol e un flusso quasi ininterrotto di persone si sono riversati nella proprietà, nonostante le proteste dei vicini.

I vicini della content House protestano

Def Noodles nel successivo tweet racconta che i vicini della TikTok house sono arrivati al limite della sopportazione. Le crescenti tensioni tra loro e i residenti/ospiti della DripCrib, sono iniziati a diventare violenti, anche con minacce di violenza armata. Gli abitanti della zona, tra l’altro, sono passati all’azione spruzzando con il tubo dell’acqua i frequentatori delle feste.

I problemi creati dalla content house sono i più disparati: ad esempio ha accumulato per mesi enormi quantità di spazzatura al di fuori della villa, una quantità tale che per portar via tutta quella immondizia ha dovuto noleggiare un enorme camion.

I membri della DripCrib non pagano l’affitto della villa, ma la distruggono

La Content House si era trasferita nella villa, poco prima dell’inizio della pandemia. Da allora la DripCrib non ha pagato l’affitto dell’immobile. La società immobiliare che si occupa della gestione della villa, ha cercato di sfrattarli ma senza successo, perché a causa della situazione di pandemia globale a Los Angeles non è consentito lo sfratto. Come se non bastasse i membri della house hanno distrutto la villa completamente arredata, macchiato e sporcato irreparabilmente e distrutto i mobili della cucina e la lavatrice. I danni stimati alla proprietà e agli arredamenti ammontano a 100.000 $.

Cosa ne pensate della situazione? Hanno ragione i vicini?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *