in

Dixie D’Amelio è trattata male dai genitori rispetto a sua sorella Charli? Scoppia la polemica

Dixie D'Amelio e famiglia
Dixie D'Amelio e famiglia

Dixie D’Amelio ha “soltanto” 50 milioni di fan su TikTok, contro i quasi 100 milioni di sua sorella Charli. Per questo motivo i suoi genitori la trattano male. Questa ipotesi, alquanto bizzarra, ha preso piede sui social a tal punto da portare la diretta interessata a rispondere alle illazioni una volta per tutte.

L’ipotesi è tanto semplice, quanto senza prove: Dixie è messa in ombra dalla sorella minore Charli a causa del differente successo avuto sui social. I genitori, per questo, farebbero dei favoritismi nei confronti di Charli e tratterebbero male Dixie.

Nonostante l’intera famiglia abbia smentito la disparità di trattamento, c’è chi sostiene, con tanto di prove video, che la madre, ad esempio, è visibilmente imbarazzata durante i video di Dixie.

La D’Amelio, stanca delle teorie complottiste e di definizioni antipatiche nei confronti dei suoi genitori (“Sono tossici”, “Cancellate i genitori di Dixie”, “Perché i genitori di Dixie si comportano così male con lei?”), ha deciso di rispondere personalmente a questo tipo di commenti (fonte TikTokRoom):

Questi commenti sono così fuori che potrei vomitare all’odore di qualcosa di così disgustoso. Sono spesso drammatica e i miei genitori affrontano le mie ca**ate ogni giorno.

Non vengo trattata in modo diverso e non esiste per loro una figlia “preferita”. Su Internet si vuole sempre mettere le persone l’una contro l’altra.

Basterà ai complottisti la parola della tiktoker o chi ha scritto certe cose continuerà a pensare di saperne più della D’Amelio?

[FOTO: Instagram Dameliofamilyofficial]

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Elisa Maino, tutte le curiosità sui suoi genitori: Luca ed Eleonora si sposano!

Jaden Hossler, nuove scuse per vecchi like a tweet razzisti: “Ho imparato la lezione, basta offese”