in

La Defhouse stasera debutta in tv con il programma “MTV Cribs”: ecco cosa vedremo – l’intervista esclusiva

Stasera, alle ore 21.10, la DefHouse sarà protagonista di un nuovo programma di MTV, MTV Cribs. Le telecamere del programma mostreranno le case delle celebrità, dall’architettura interna a come sono state personalizzate da coloro che ci abitano. Si tratta della prima edizione della versione italiana del celebre format americano, visibile sul canale 130 Sky e in streaming su Now Tv. La puntata dedicata alla DefHouse, invece, è prevista per mercoledì 24 marzo, subito dopo quella con protagonista il centrocampista della Lazio Luis Alberto.

Per i fan dei componenti della DefHouse la puntata sarà un ottimo modo per conoscere meglio i luoghi, già familiari, che sono spesso utilizzati come set di numerosi video di TikTok da Tommaso Donadoni, Marco Bonetti, Alessia Lanza, Jasmin Zangarelli, Simone Berlini, Davide Moccia, Florin Vitan e Yusuf Panseri.

Cosa vedremo stasera su MTV?

Davide Moccia: “Vedrete le porte della DefHouse aprirsi al pubblico. Vedrete quello che facciamo durante la giornata, dai nostri corsi (come quello di ballo, cucina o taekwondo) alla nostra creatività per la nascita dei video. Vedrete anche i nostri caratteri, i nostri modi di fare. Insomma, la nostra routine in tutte le sue sfaccettature. Verrà dato libero sfogo anche al design che caratterizza la nostra casa. Ci sarà anche una descrizione accurara e dettagliata delle stanze. Ognuno di noi presenterà la propria”.

Qual è la caratteristica della vostra Casa? Secondo voi, cosa la differenzia dalle altre?

Davide: “Questa è una casa dove si cerca di imparare cose nuove e diventare delle persone migliori o più capaci in quello che fanno. Siamo sempre stimolati, anche grazie alla voce di Defne che dà input alla nostra creatività. Il focus della Def è ‘focus on your potential’, ovvero ‘concentrati sul tuo potenziale’. E’ la frase che ci ripetiamo ogni giorno”.

Siete tutti giovanissimi, com’è stato lasciare la vostra famiglia? Cosa vi manca della vita di prima?

Tommaso Donadoni: “Io sono il più giovane qua. E’ stato difficile lasciare la mia famiglia, all’inizio l’ho accusato. Però questa è un’opportunità incredibile ed era impossibile non coglierka. Sono giovane ma so che il passo di andare a vivere da solo prima o poi andava fatto. Non nascondo che ogni tanto posso avere dei mental-down, però vengono oscurati dal fatto che qua ogni giorno ho stimoli nuovi e un mood super positivo. Sono gli altri a stimolare la mia positività, ormai è come stare in famiglia”.

Alessia Lanza: “Nonostante ci possano mancare i nostri affetti, questa è diventata la nostra seconda famiglia. E’ normale che ci manchi qualcosa della nostra vita ‘precedente’, ma ogni giorno lavoriamo su noi stessi per inseguire i nostri sogni”.

Qual è il momento più difficile della convivenza?! Si sa che la convivenza è sempre difficile, anche con i propri migliori amici…

Jasmin Zangarelli: “E’ normale avere delle piccole discussioni perché è come litigare con tuo fratello. Sono discussioni banali ma costruttive, capiamo gli errori dell’altro e ci aiutiamo a migliorarci. L’inizio è stato il momento più difficile: quando ci siamo ritrovati a vivere h24 insieme sono emerse tutte le nostre sfaccettature. Siamo tutti diversi, ma questa è la nostra forza perché ci completa”.

Come riuscite a gestire la scuola?!

Davide Moccia: “Io, Jasmin, Tommaso, Marco e Yusuf andiamo a scuola, siamo tutti in DAD. Alcuni di noi fanno la scuola pomeridiana, mentre Yusuf frequenta quella mattutina. Cerchiamo sempre di liberare del tempo per dedicarlo alla scuola: è molto importante. Tutti stiamo frequentando la scuola a Milano, io per esempio ho lasciato la mia scuola storica per frequentarne una qui. Io e Yusuf, tra l’altro, quest’anno avremo la maturità: incrociamo le dita”.

Cosa avete imparato da questa esperienza?

Davide: “L’autogestione e l’organizzazione”.

Alessia: “La cosa più importante è l’indipendenza. Quando vivi con i tuoi genitori hai sempre una spalla su cui contare. Quando vai a vivere da solo, invece, devi fare tutto da te: la lavatrice, la lavastoviglie, la cucina… Devi crescere da un momento all’altro. La maggior parte degli adolescenti non fanno queste cose, noi siamo stati fortunati perché abbiamo potuto impararle in anticipo rispetto agli altri. La cosa più bella è che qui siamo in otto e abbiamo potuto crescere tutti assieme”.

Davide: “Io prima di venire qui non avevo mai lavato un piatto, invece qui lavo e pulisco di continuo (ride, ndr)”.

Quanto resterete ancora lì? Qualcuno ha mai pensato di mollare?

Tommaso: “Non c’è un tempo prefissato. Quando avremo finito di migliorarci, forse sarà arrivato il momento della nostra uscita dalla DefHouse. Un momento preciso dove ho detto ‘adesso me ne vado’ non c’è stato. Però ho avuto tanti mental-down, tante sere dove ho pensato ‘è difficile’. Questa non è soltanto una casa dove ci si rilassa, qui si lavora e ci facciamo il culo, ma l’energia che trovavo in casa era talmente forte che mi ha spinto a rimanere dentro”.

Progetti per il futuro?

Davide e Jasmine: “Ce ne sarebbero tanti, ma non facciamo spoiler”.

[FOTO: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *