in

Davide Vavalà si confida: “Sono stato bullizzato quando avevo 15 anni”, ecco cosa ha raccontato

Davide Vavalà racconta di quando veniva preso in giro per il suo peso. Ecco la sua esperienza.

davide vavalà
davide vavalà

Davide Vavalà racconta alcuni retroscena del suo passato. Qualche giorno fa il creator ha deciso di rivelare ai suoi fan una brutta esperienza che ha vissuto durante l’adolescenza. All’età di 15 anni era in sovrappeso e per questo è diventato bersaglio di alcuni ragazzi che lo prendevano in giro. All’epoca il ragazzo decise di non parlarne con nessuno, ma oggi si è pentito di questa scelta. Ecco la sua storia condivisa su TikTok:

A 15 anni pesavo più del normale, quindi ero in sovrappeso. Diciamo che avevo un gruppo di ragazzi che ovviamente mi prendeva di mira per questo motivo. Quindi mentre loro pensavano di star ridendo con me, in realtà stavano ridendo di me, che è un po’ diverso. Io al tempo non presi neanche in considerazione l’idea di parlarne con qualcuno perché mi vergognavo della cosa. Quindi ho preferito evitare però ad oggi vi dico che se tornassi indietro ci penserei ben due volte. Voglio dire che non siete soli, che l’idea di consultare uno psicologo non è assolutamente una cosa strana, anzi può davvero aiutare. Mi porto dietro tutt’oggi le parole che mi sono state dette anni e anni fa e tutto questo perché ho deciso di non confrontarmi con nessuno.

Il messaggio di Davide Vavalà e quindi molto chiaro. Queste brutte situazioni che ha vissuto in passato lo hanno decisamente segnato. In più all’epoca non ebbe il coraggio di raccontare agli altri cosa stesse vivendo. Questo per il creator è stato un vero e proprio errore che se potesse tornare indietro non commetterebbe. Ecco perché consiglia a tutti quelli che ne hanno bisogno di parlare con uno psicologo, visto che non c’è nulla di cui vergognarsi e può solo essere di aiuto. Intanto i fan, scoperto questo retroscena della vita del creator, hanno espresso il loro completo appoggio nei commenti.

[FOTO: TIKTOK]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *