Clicca su consenti

per attivare la ricezione delle notifiche relative all’oroscopo di Webboh

in

Perché Davide Vavalà ha la passione per l'arte? Spoiler: c'entra con il bullismo che ha subito!

Davide Vavalà arte
Davide Vavalà spiega a Webboh quando e come gli è nata la passione per l’arte che lo sta rendendo celebre sui social. Il motivo è molto profondo.

Davide Vavalà ha da poco vinto il premio Teen Idol – Male ai Webboh Awards 2023. Quando è salito sul palco il creator ha spiegato al conduttore dell’evento, Jody Cecchetto, come mai ha portato la sua passione per l’arte sui social: “E’ una passione che coltivo sin da piccolo. Ho deciso di aprirmi a chi mi segue e di mostrarmi“. Ma come mai per il creator è così importante l’arte nella sua vita? Abbiamo deciso di chiederglielo. Il motivo è molto più profondo di quanto ci si possa immaginare:

Ho la passione per l’arte sin da quando ne ho memoria. Ho sempre amato scarabocchiare, creare e perdermi nei miei pensieri mentre avevo una penna o un pennello in mano. L’arte, però, è diventata parte fondamentale della mia quotidianità ai tempi delle elementari, periodo che combacia perfettamente con gli anni in cui iniziai ad essere preso di mira dai bulli di turno. Passavo le giornate ad essere preso in giro per il mio aspetto fisico accumulando insicurezze e tristezza per poi tornare a casa, mettermi davanti ad un foglio e liberare tutto quello che sentivo dentro disegnando.

Per Davide, quindi, disegnare è stato un modo per sfogare il dolore causato dalle prese in giro dei bulli. Con il tempo la matita si è trasformata in un pennello e il foglio in una tela, ma alla base del suo amore di fare arte c’è sempre il bisogno di tirare fuori le proprie emozioni e stati d’animo: “Da quel momento in poi l’arte è diventata la mia unica valvola di sfogo. Tutt’ora, quando mi sento al limite, sfogo tutti i miei pensieri su una tela o su un foglio bianco e tutto quello che mi circonda per magia torna ad essere a colori. Proprio perché quello che faccio deriva direttamente dai miei sentimenti, si può capire molto del mio stato d’animo dai soggetti che rappresento e dai colori che uso per imprimere la mia coscienza sulla tela“.

Il creator ci ha rivelato che i suoi quadri nascono da un continuo flusso di coscienza e non da uno studio precedente. Tra l’altro il suo amore per l’arte non gli è stato tramandato: “Sono cresciuto in una famiglia in cui l’arte sicuramente non regna sovrana. Sono il primo ad aver intrapreso questa strada e ad aver scelto un percorso di vita che mi permetta di essere sempre me stesso. Chissà, magari un giorno riuscirò a trasmettere tutto quello che sento dentro anche ad un mini me!

Vi piacciono le opere di Davide Vavalà? Vi immaginavate che ci fosse una storia così particolare dietro la sua passione per l’arte? E voi che tecniche utilizzate per sfogarvi? Fatecelo sapere.