in

Davide Moccia, disavventura all’ufficio comunale: crea il panico con una foto! Ecco cosa è successo

Davide Moccia racconta della sua disavventura in comune mentre faceva la carta di identità

Davide Moccia
Davide Moccia

Davide Moccia ha avuto una disavventura in comune. Il creator ha raccontato tutto nelle sue storie di Instagram. In pratica era andato all’anagrafe per rifare la carta di identità e ha chiesto all’impiegata, nonostante sapesse che non fosse possibile, se potesse usare delle foto nel quale si vedeva la spalla leggermente scoperta. La reazione della donna però è stata del tutto inaspettata. Ha iniziato ad urlare contro il ragazzo e a criticare i giovani. Ecco il racconto completo:

Vado al comune per fare la carta di identità. Porto fototessera e tutto quanto. In macchina avevo delle altre fototessera che sapevo che non potevano essere usate per una carta di identità perché avevano la camicia un po’ spostata. Per curiosità vado in macchina a prendere queste foto. Glie le faccio vedere. Si vedeva un po’ l’osso. Glie la faccio vedere e le faccio: “Ma queste non vanno bene”. Lei mi guarda tipo se le avessi fatto vedere una mia foto nudo.

Mi guarda e mi fa: “So che a te piace apparire, ma secondo te in un documento dello stato una foto del genere”. Inizia ad urlare. Prende le foto e le fa vedere al collega e inizia a dire borbottando: “ma come l’Italia può andare avanti con queste cose”. L’Italia come può andare avanti con una foto con la camicia un po’ spostata…

Davide Moccia nelle storie ha chiesto al suo pubblico se la pensasse come lui o se avesse fatto davvero qualcosa di sbagliato. Nell’ultima storia ha infatti scritto:

Ditemi se sbaglio. Che a prescindere urlarmi addosso anche se avessi detto un’assurdità, senza offendere nessuno, non credo sia normale.

Voi da che parte state? Di sicuro con Davide Moccia non ci si annoia mai… vi ricordate quando ha fatto scattare senza volere il piano anti terrorismo in aeroporto?

[FOTO: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.