in

Daniele Davì: il suo cane ha rischiato di morire! – il racconto del creator

Il cane di Daniele Davì ha mangiato una polpetta con un chiodo dentro. Solo grazie alla prontezza di riflessi del creator il quadrupede è ancora vivo.

Daniele Davì
Daniele Davì

Il cane di Daniele Davì se l’è vista brutta: ieri Kalù, mentre faceva una passeggiata con il creator ha mangiato una polpetta contenente un chiodo. Solo l’occhio attento e la destrezza di Daniele hanno evitato il peggio al piccolo amico a quattro zampe. Davì racconta nelle storie Instagram:

Praticamente ad un certo punto entriamo in questa piccola area verde. Lui praticamente inizia a masticare e a masticare. Lui è abbastanza furbo, perché non le manda giù, le mastica e basta. Ho fatto in tempo ad aprirgli la bocca e a scoprire che era una polpetta con un chiodo. Non sono il primo o l’unica a cui succede una cosa simile. Lo so, ma non mi era mai successo e sono piuttosto sotto shock. Anche perché sto immaginando tutti gli scenari possibili che potevano capitare se quella polpetta se la fosse ingoiata. Ho fatto veramente in tempo per un secondo a tirargliela fuori e a vedere che c’era un chiodo dentro.

Daniele, sconvolto per quello che è successo, attacca l’autore di un simile gesto:

La cosa che più mi disturba è pensare che una cosa del genere sia stata concepita e creata da una persona, che per quanto mi riguarda è un assassino. Perché come lo fa ad un cane lo può fare tranquillamente ad una persona. Questa cosa mi mette i brividi. Raga state attentissimi se avete dei cani. E’ una delle azioni più meschine che una persona possa fare. Chiunque tu sia mi fai veramente ribrezzo.

Daniele Davì alla fine dello sfogo ha letto i DM e ha avuto la conferma che il chiodo nella polpetta è una pratica purtroppo molto diffusa e che alcuni dei suoi follower non sono stati così tempestivi e fortunati con i propri cani. Il creator lancia un appello: “Vi prego, se doveste mai beccare una bestia che fa una roba del genere, denunciate!“.

[FOTO: TikTok – Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *