in

Christian Daloi contro un gruppo di follower per i messaggi ricevuti in privato: “Fate schifo!”

Alcune delle persone che scrivono a Christian Daloi hanno fatto molto arrabbiare il tiktoker: ecco di chi stiamo parlando.

Christian Daloi
Christian Daloi

Ieri Christian Daloi ha preso una decisione della quale si sarebbe molto presto pentito. Il tiktoker ha infatti deciso di aprire le sue richieste di messaggi privati su Instagram. Di norma la webstar non è abituata a farlo, visto e considerato che ovviamente c’è un sacco di gente che cerca di parlargli. Stavolta però, dopo aver lanciato un Q&A sul suo profilo Instagram, evidentemente deve aver deciso di provare lo stesso a farlo. Ma non è finita benissimo.

Aprire le sue richieste di messaggi e leggere quello che i suoi follower gli hanno scritto gli ha infatti fatto diventare il sangue amaro. E questo non per un solo motivo, ma ben tre.

Ovviamente la maggior parte dei messaggi che Christian Daloi riceve deve essere innocua, ma c’è una parte consistente di DM che lo infastidisce e pure parecchio. Un gruppo di follower (o sarebbe meglio chiamarli “disturbatori”?) l’hanno fatto arrabbiare in modo particolare. Stiamo parlando soprattutto di chi gli scrive perché ha una crush per lui, anche se è impegnata o impegnato (o troppo vecchio o vecchia). Ecco quello che ha raccontato a proposito:

Non apro mai le richieste perché sono troppe. Oggi ho aperto le richieste sono successe tre cose. Numero uno: dovevo guardami La casa di carta da penso domani sera. Perfetto ho aperto le richieste ed è come se l’avessi vista tutta. Quindi, voi persone che spoilerate cosa ci trovate di bello? Perché non vi tagliate la lingua? Due: le ragazze fidanzate, che mi scrivono e ci provano, fate schifo! Tre, le persone di 40 anni che ci provano, pure loro, maschi oltretutto. Boh ragazzi non aprirò mai più le richieste.

Voi ci tenete che io apra le vostre richieste. Per una volta che cerco di fare una cosa carina mi trovo tutte queste cose, che cosa devo fare?

[Foto: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *