in

“Cellulari vietati in classe”, il ministero ha inviato la circolare! Cosa cambierà?

Ecco la sintesi della circolare e le parole del Ministero e del Sindacato: “È anche colpa delle famiglie…”

cellulari vietati in classe
cellulari vietati in classe

Solamente una decina di giorni fa vi avevamo riportato le indiscrezioni sulla nuova circolare del Ministero del’lIstruzione in cui si parlava di un presunto divieto di utilizzo dei cellulari in classe. In tant* avevano espresso contrarietà a riguardo. O meglio, avevano posto l’accento su un fatto, ovvero che le urgenze della scuola sarebbero altre. Cos’è cambiato ad oggi? Che la circolare del ministero è diventata un dato di fatto. Ne parla anche l’autorevole fonte dell’Ansa, ecco cosa sappiamo!

È ormai stata diffusa alle scuole una circolare, firmata dal ministro Giuseppe Valditara, contenente le indicazioni sull’utilizzo dei telefoni cellulari e di analoghi dispositivi elettronici nelle classi. Nel dettaglio è stato confermato il divieto di utilizzare il cellulare durante le lezioni, “Trattandosi di un elemento di distrazione propria e altrui e di una mancanza di rispetto verso i docenti, a cui è prioritario restituire autorevolezza“, afferma il ministro. Ma attenzione, c’è un aspetto da sottolineare: “Con la circolare non si introducono sanzioni disciplinari“.

Il ministro Giuseppe Valditara ha spiegato il perché della necessità di vietare i cellulari in classe: “L’interesse delle studentesse e degli studenti, che noi dobbiamo tutelare, è stare in classe per imparare. Distrarsi con i cellulari non permette di seguire le lezioni in modo proficuo ed è inoltre una mancanza di rispetto verso la figura del docente, a cui è prioritario restituire autorevolezza. L’interesse comune che intendo perseguire è quello per una scuola seria, che rimetta al centro l’apprendimento e l’impegno“.

Secondo il dirigente del sindacato Dirigentiscuole Attilio Fratta anche le famiglie hanno le loro colpe. In che senso? Ecco le sue parole: “Conosco molti docenti che fanno utilizzare il cellulare a scopo didattico, giusto usarlo per questi fini, per altri motivi non si deve avere. Bisogna educare innanzitutto le famiglie, non si porta a scuola il cellulare; per qualsiasi emergenza ci sono le segreterie delle scuole“.

Ci richiamiamo al senso di responsabilità“, ha precisato il Ministro. Cosa cambia dunque nell’atto pratico? Per qualcuno poco o nulla. Dipende solo da come sarà applicata la circolare. Anche perché, come ricorda l’ex collegiale Alessandro Andreini (Mr Magnesio): “C’è già una circolare ministeriale del 2007 a riguardo (che vieta i telefonini in classe)“. Qui potete trovare il testo ufficiale e completo della circolare. Nei prossimi mesi vedremo se effettivamente cambierà qualcosa. Attendiamo.

[FOTO: Canva]