in

TW Cecilia Cantarano parla dei disturbi alimentari: “Ci sono passata tante volte”, e dà dei consigli!

Cecilia Cantarano ha parlato di disturbi alimentari raccontando anche la sua esperienza personale. Ecco cosa ha detto.

Attraverso una Storia su Instagram, Cecilia Cantarano ha parlato nuovamente di disturbi alimentari. Questa volta, però, ha raccontato nello specifico anche la sua esperienza personale. Ceci ha confessato di aver sofferto di questa patologia. Ecco che cosa ha scritto su IG:

Ci sono passata tante volte, in modo diverso, in fasi diverse. L’ultima volta che è stato un problema davvero importante per me è stato verso fine liceo, quando avevo capito che saltare i pasti mi chiudeva lo stomaco, perciò meno mangiavo meno avevo fame. Era un pensiero costante. Pensavo solo a resistere alla tentazione di mangiare perché mi sembrava un gran traguardo.

Ma come sta Cecilia adesso? Come lei stessa ha raccontato, oggi la creator riesce a focalizzarsi sulla persona che vuole essere e ad accettare il suo corpo.

Ho poi capito che i veri traguardi sono altri, che il mio peso non decide chi sono, non dice niente di me e che dovevo iniziare a normalizzare il fatto di mangiare. (…) Preferisco impiegare le mie energie nell’essere una brava persona e nelle attività che mi rendono felice. L’aspetto esteriore è qualcosa ma non è tutto e ogni cosa nella nostra vita deve avere il giusto peso. I pensieri fissi sono sempre un problema secondo me.

Cecilia Cantarano ha concluso aggiungendo un cuore viola. Non a caso proprio il fiocchetto lilla è il simbolo della giornata dedicata ai disturbi della nutrizione e dell’alimentazione (che è il 15 marzo):

Sono diventata neutrale nei miei confronti. Non mi amo di più quando sono magra rispetto a quando prendo peso, mi amo sempre. Voglio volermi bene a prescindere dal mio aspetto perché me lo merito.

Non è la prima volta che la creator usa i suoi canali social per parlare di tematiche importanti tra cui proprio questa patologia. In passato aveva espresso la sua opinione sulla società in cui viviamo che “definisce il valore di qualcuno dal peso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.