in

“Il mio cane parla con un fantasma”, tiktoker mostra la casa infestata e diventa virale – ecco il video

Credete ai fantasmi? Kimberly Rhoades, tiktoker da quasi 800.000 follower, probabilmente sì. Come riportato anche dal Daily Dot, la ragazza è convinta che il suo appartamento sia infestato da uno spettro. L’unica ad essere riuscita ad entrarvi in contatto è stata la sua cagnolina, la piccola Daisy. Un fantasma, un cane e stranezze in casa: ingredienti perfetti per diventare virali!

Kimberly ha deciso di dare un nome al fantasma, che ora anche i suoi follower chiamano Jerry. Lo spirito si divertirebbe da novembre a stuzzicare i nervi della ragazza, manipolando gli elettrodomestici, picchiando sui tubi e creando disordine per il seminterrato. Da qualche tempo, tuttavia, pare aver stretto una grande amicizia con la cagnolina Daisy, con cui si diverte a giocare. Che sia il fantasma di un altro cane?

@kimberlyrhoades112

my dog and the ghost in my house are playing together!? ##hauntedhouse ##jerrytheghost ##ghost ##paranormal ##basement ##creepy ##viral ##haunted ##ghosts

♬ original sound – Kimberly Rhoades

Ovviamente non conosceremo mai la risposta (ma poi i fantasmi esistono o no?), ma un video caricato qualche giorno fa da Kimberly lo lascia pensare. “Jerry, ti piace giocare con Daisy?“, si sente dire dalla ragazza allo spettro nel piano basso del suo appartamento. La risposta arriva direttamente da uno dei giocattoli che il cane aveva precedentemente nascosto nel seminterrato. Un pupazzo di Snoopy in versione natalizia, che all’improvviso inizia a suonare e a muoversi, senza essere toccato. Per conferma, poi, un colpo sordo ai tubi.

Il filmato è diventato virale in Regno Unito. Nonostante l’esperienza paranormale spaventosa, i commenti sono tutti a favore dello spiritello di Kimberly Rhoades, che sembra del tutto innocuo e privo di cattive intenzioni. C’è anche chi crede che questa serie di video, fra lavatrici che si chiudono ed elettrodomestici indemoniati, sia in realtà scritta a tavolino. Noi vogliamo credere che sia così, ma quale sarà la verità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *