in

Camihawke e il passato: “Non ho mai sofferto di anoressia, ho solo superato il dolore e sono tornata felice”

Camihawke, all’anagrafe Camilla Boniardi, è una delle content creator più amate. Ha iniziato la sua carriera social su Snapchat e poi è diventata famosa sul web grazie ai suoi video pubblicati prima su Facebook, poi su Instagram. Per tutti i suoi followers è Camihawke una ragazza sempre allegra e pronta a strappare un sorriso a tutti, ma ciò non vuol dire che non abbia anche lei dei momenti no. Infatti Cami ha pubblicato un post sul suo feed Instagram con una foto del 2015 dove appare decisamente magra e una descrizione che lascia ben poco all’immaginazione.

In questi mesi ho scritto e riletto molto, ho capito che trovare le parole che descrivano bene quello che hai in mente può essere impresa ostica e spesso infruttuosa. Secondo me, una cosa difficile ma utile, per trovare le parole dico, è partire da momenti che ti ricordi più di altri. Ad esempio qui era il 2015, che mi pare una vita che non ho mai vissuto, ma invece l’ho vissuta eccome, e mi ricordo che io pensavo di stare benissimo, di esser felice. Li credevo tutti matti quelli che dicevano il contrario. Oggi invece, mentre mi riguardo, mi sembra che avevano ragione.

Non ho mai sofferto di anoressia, ho solo superato il dolore e sono tornata felice“, ha chiarito poi tra i commenti a chi cercava di capire meglio la sua situazione. Sempre nel 2015 sul suo blog di Tumblr “CamiHawke’s Diary” alla domanda posta da un utente “Soffri di qualche disturbo alimentare?”, Camilla non ha risposto, anche perché la tematica è abbastanza delicata. Si è limitata a rispondere con un ironico “Sì, mangio troppi gelati”.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rosalba dedica un tatuaggio a Valerio Mazzei. Gianmarco Zagato ne dedica uno a Nicole Pallado

Rosario Liccardo

Rosario Liccardo torna sui social (e chiede scusa a Webboh): “Ho pensato di suicidarmi a causa delle pressioni social”