in

Cameron Herrin, il sosia del killer risponde alle offese su TikTok: “Dovevi marcire in carcere” – ecco cos’è successo

Il sosia del killer Cameron Herrin spopola su TikTok. Gli utenti lo insultano, lui replica e fa chiarezza una volta per tutte.

Il caso di Cameron Herrin, il ragazzo americano finito in carcere e condannato a più di 20 anni di carcere per aver ucciso una mamma e la sua figlia, continua a far discutere. Stavolta gli occhi sono puntati su un profilo TikTok di un ragazzo che assomiglia moltissimo a Cameron. Quando la vicenda di Herrin è diventata super popolare, un ragazzo (@vixr00) ha cominciato a pubblicare dei video con una mascherina nera (come quella del “killer”) e un completo elegante (uguale al famoso video di Cameron in tribunale). Gli occhi, pressoché uguali, hanno fatto il resto.

Inizialmente in tantissimi – quasi tutti – l’hanno scambiato per il vero Cameron Herrin, anche perché questo ragazzo contribuiva a creare confusione pubblicando i suoi video con l’hashtag #CameronHerrin. Sin da subito i commenti sono stati molto duri nei suoi confronti:

“Dove sono le sbarre?”

“Vai in prigione assassino”

“Ma non potevi marcire in carcere?”

“Non meritavi di uscire”

“Doveva restare in prigione”.

In realtà il vero Cameron è tutt’ora in prigione (no, non è uscito grazie a una cauzione). E il proprietario del profilo TikTok di cui stiamo parlando non è davvero Herrin ma, appunto, un sosia. Due giorni fa, finalmente, il ragazzo ha fatto una mezza ammissione e ha mostrato il suo vero volto: “I’m not him“, “Non sono lui”, ha risposto. L’hype è finito…

@vixr00

Hi ? ##cameronherrin ##viral ##foryou ##fypシ

♬ original sound – viii

[Foto: TikTok]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *