in

Il cane “parlante” alla conquista di TikTok: la storia di Bunny

Bunny
Bunny il cane parlante di TikTok

Questa è la storia di una cagnetta che nel giro di pochi mesi è riuscita a conquistare milioni di follower su TikTok. Lei si chiama Bunny, è una cagnetta pastore e simula le conversazioni con la sua padroncina premendo dei pulsanti. Cominciamo da principio.

Alexis Devine ha una cagnetta bellissima, Bunny. La peculiarità della sua amica a quattro zampe sta nel fatto che pare che sappia comunicare grazie ad un pad di pulsanti con comandi audio preregistrati. Come fa? Alexis sostiene che, dopo aver visto la patologa del linguaggio Christina Hunger utilizzare una tavola armonica per insegnare al suo cane Stella a comunicare con lei, ha deciso di fare lo stesso:

Mi sono sentita come se non ci fosse un valido motivo di portare una creatura a casa propria senza avere un piano per costruire una relazione straordinaria.

Tutto ha inizio con un solo pulsante: Bunny deve schiacciarlo quando ha bisogno di usare il bagno o desidera uscire per divertirsi. Presto la cagnetta impara a usarlo regolarmente. Così Alexis decide di aggiungere altri pulsanti. La cagnetta risponde positivamente alla novità e impara il significato di ogni pulsante in base a ciò che la sua padroncina fa dopo aver toccato un determinato tasto. Devine spiega al sito Bustle:

Se Bunny tocca il pulsante “acqua” ad esempio, Devine riempie la sua ciotola d’acqua. E’ un sistema reciprocamente vantaggioso. Lei sa che usare i pulsanti mi fa piacere, sa che se chiede una passeggiata, e la sento, è contenta.

Ora la quadrupede è iscritta a uno studio di ricerca presso il Comparative Cognition Lab dell’Università della California a San Diego. L’obiettivo è scoprire è se i cani stanno davvero comunicando usando queste tavole armoniche. Alexis è contenta di averla iscritta a questo tipo di studio, perché lei, tanto quanto i milioni di persone che seguono Bunny, è scettica a riguardo:

Le persone sono scettiche su quello che sta succedendo e lo sono anch’io.

Forse la cagnetta sta praticando il condizionamento operante, che è un modello incentrato sull’essere ricompensati, piuttosto che sulla comprensione cognitiva di ciò che sta accadendo. In parole povere: Bunny preme il pulsante “Ti amo mamma”, non perché sta effettivamente dicendo alla sua proprietaria che la ama, ma solo perché sa che da lei ottiene una reazione gentile e amorevole.

Ai 5 milioni di follower su TikTok interessa poco il vero motivo grazie al quale Bunny parla con Alexis. A loro basta vivere giornalmente la favola del cane che comunica i propri bisogni e sentimenti con il proprio padroncino.

[FOTO: INSTAGRAM]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *