in

Bryce Hall denuncia una confraternita perché aggredito durante una festa – Ecco cosa è successo

Una festa della confraternita Sigma Alpha Epsilon si è trasformata in un’imboscata. Il racconto di Bryce Hall.

Bryce Hall denuncia confraternita
Bryce Hall denuncia confraternita

Bryce Hall ha sporto denuncia verso una confraternita della San Diego State University dopo essere stato aggredito ad una loro festa. L’11 maggio Bryce Hall ha raccontato nelle sue storie Instagram di essere stato invitato ad una festa della confraternita Sigma Alpha Epsilon insieme a Tayler Holder e altri suoi amici. Il party si è però rivelato uno scherzo violento.

Il creator non è nuovo alle risse, ma sembra che questa volta la situazione fosse ingestibile anche per lui. Nelle storie ha spiegato che una volta arrivati alla festa i membri della confraternita hanno aggredito l’autista dell’Uber, vandalizzato il veicolo e rubato il cappello a Hall. Ecco la sua dichiarazione:

Ci hanno invitato alla loro festa come piccole fangirl, e ci siamo presentati, e poi hanno cercato di trollarci prendendo i nostri cappelli e poi mettendoci in una curva contro il nostro Uber e vandalizzando il veicolo

Tayler Holder ha anche aggiunto: “Ci siamo noi, e ci sono letteralmente 47 di loro che cercano di comportarsi come se fossero duri“. Da alcune riprese condivise da DefNoodles si comprende meglio la situazione. Nei video vediamo Hall circondato dagli invitati alla festa mentre un membro della confraternita gli prende il cappello scatenando le urla della folla. Bryce ha poi cercato di recuperare il cappello provocando una colluttazione.

Un’altra clip mostra che anche un altro membro della confraternita ha cercato di rubare il cappello a Bryce Hall mentre si trovava in auto. Il giorno seguente Hall ha scritto su Twitter che avrebbe sporto denuncia verso la confraternita: “Immagino di sporgere denuncia per una confraternita sdsu hahahahah portami quei soldi“. Al momento la confraternita non ha ancora risposto al TikToker.

[FOTO: TIKTOK]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *