in

Bryce Hall parla dell’arresto: “Anche mio padre è stato in carcere: non volevo essere come lui, ora sono cambiato”

Bryce Hall

Qualche settimana fa vi abbiamo dato notizia dell’arresto che ha visto protagonisti Bryce Hall e l’amico Jaden Hossler. L’accusa? Possesso di marijuana, che è costato loro qualche ora di fermo in Texas, sbloccato grazie al pagamento della cauzione di 5.000 dollari. A distanza di alcuni giorni dal fatto, Bryce Hall ha deciso di parlare al magazine People dell’arresto di maggio, rivelando per la prima volta come un’esperienza simile lo abbia aiutato a crescere.

Bryce Hall, che compirà 21 anni il prossimo 14 agosto, ha pubblicato in esclusiva per il sito americano una lunga confessione, risultato di un viaggio nel profondo della propria coscienza. Com’è cambiato dopo il trauma dell’arresto? Il ragazzo ha esordito così, con le parole della Bibbia, per ricordare i pensieri elaborati nelle ore passate dietro alle sbarre:

C’è un famoso versetto dell’Ecclesiaste che recita “Per ogni cosa c’è il suo momento, il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo“. So che ascoltare un versetto della Bibbia da parte di un influencer di TikTok, noto animale da festa, può essere abbastanza sorprendente, ma è una citazione che è stata in prima linea nella mia mente sin da quando mi sono trovato in stato di arresto, diverse settimane fa. Seduto in quella cella per un giorno, ho avuto così tanto tempo per pensare. Ho pensato a quanto avevo deluso mia mamma. Come mamma single, ha lavorato molto duramente per tirarmi su e mi ha sempre sostenuto, anche quando ho sbagliato. So che se l’avessi sempre ascoltata, non sarei finito lì dentro.

Bryce Hall parla del padre in carcere e della sua nuova vita: stop ad alcool e droghe

Il giovane americano ha anche rivolto alcuni pensieri a suo padre, figura assente e di dubbia moralità, di cui ha ricordato il passato in carcere:

Pensavo anche a mio padre, un uomo che non c’è mai stato e che sapevo essere violento e irresponsabile. Ha trascorso del tempo dietro le sbarre per maltrattamenti e mancato pagamento degli alimenti. E mentre sedevo in quella cella, mi sentivo proprio come mio padre. È stata un’esperienza mortificante e vergognosa. Mi ero ripromesso da sempre che non sarei mai stato come lui. Ed eccomi lì.

Bryce ha poi rivelato di essere uscito da quella cella con un rinnovato senso di chiarezza sulla propria personalità e sui propri desideri. “Vivo da solo, lavoro e mi prendo cura di me stesso da quando avevo 16 anni. Sapevo di avere gli strumenti per essere responsabile. Mi ero solo perso“. Consapevole di avere un ruolo importante per i giovani, in quanto seguitissima web star, Bryce ha deciso di cambiare stile di vita per sé e per il suo pubblico: stop con alcool, droghe e stupidaggini che possano metterlo di nuovo a rischio:

Sono più concentrato che mai e lavoro costantemente sul mio marchio, non sono mai stato più entusiasta di pubblicare contentui straordinari per i miei fan sui social. […] All’inizio di giugno ho donato oltre 30.000 dollari dal mio lancio del merchandising al National Association for the Advancement of Colored People e partecipato alle proteste per il Black Lives Matter.

Insomma, c’è un nuovo Bryce Hall in città!

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pow3r è il primo italiano a raggiungere un milione di followers su Twitch: lui si mette a piangere (video)

Shane Dawson, crollano gli iscritti dopo l’accusa choc: c’è lui dietro il drama fra Tati Westbrook e James Charles?