in

Bella Poarch, la nuova canzone nasconde un significato profondo che riguarda il passato della tiktoker *TW*

La tiktoker Bella Poarch ha raccontato il vero significato di “Inferno”, il secondo singolo della sua carriera. Ecco cosa ha detto.

Lo scorso 13 agosto Bella Poarch ha pubblicato l’incredibile video ufficiale del secondo singolo della sua carriera musicale, intitolato “Inferno. La canzone, nata in collaborazione con il cantautore Sub Urban, è stato pubblicato a circa quattro mesi di distanza dall’incredibile singolo d’esordio della tiktoker di origini filippine, intitolato “Build a B*tch”.

“Inferno” di Bella Poarch, che su YouTube ha già superato i 17 milioni di visualizzazioni, è accompagnato da un video carico di effetti speciali e di significati nascosti. Dietro alla canzone, apparentemente sbarazzina e leggera, si nasconde infatti un significato profondo. *TW*

A raccontarci quello di cui parla la canzone e il suo video ufficiale è stata la stessa tiktoker, con un post sui social ha spiegato esattamente il messaggio che voleva che passasse. Un messaggio legatp agli abusi di cui è stata vittima in passato e le cui cicatrici si porta dietro ancora oggi.

Come vittima di abusi sessuali, questa canzone e questo video significano davvero molto per me. Si tratta di una cosa che non sono ancora bene riuscita a condividere con voi. Per me è davvero molto difficile parlarne. Ma adesso sono pronta a farlo. Ho deciso di esprimere me stessa creando una canzone e un video con Sub Urban basata su come avrei voluto fosse stata la mia esperienza. Si tratta in pratica di una fantasia che avrei voluto diventasse realtà. Non vedo l’ora di condividerla con tutti voi.

Nel video della canzone vediamo due uomini provare ad approfittarsi di una Bella ubriaca nel bar di un hotel. Ma lei, in realtà, non è ubriaca proprio per niente. Ecco allora che coglie l’occasione e li rinchiude in un ascensore, torturandoli in vario modo prima di ucciderli una volta per tutte, congelandoli grazie all’aiuto di Sub Urban.

[FOTO: Twitter]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *