in

Aurora Celli sul red carpet del Festival del Cinema ma viene criticata: lei risponde

Dopo Marta Losito ed Eleonora Gaggero, un altro volto nato sul web è sbarcato sul red carpet dell’importante Festival Internazionale del Cinema di Roma. Stiamo parlando della tiktoker 17enne Aurora Celli (qui il suo wiki). Il 21 ottobre Aurora ha sfilato sulla passerella rossa della manifestazione cinematografica. Per lei è stato il suo primo red carpet della vita, per questo era molto emozionata: “Se non sai come chiamarla, vivila. È l’emozione giusta, non te ne pentirai“, ha scritto lei sui suoi social.

Ma, in mezzo a tanti complimenti, non sono mancate le critiche. C’è chi si è chiesto cosa ci facesse una tiktoker su un red carpet e chi pensa che sia un risultato immeritato. Ecco alcuni commenti che sono stati pubblicati su TikTok:

“Santa madre, perché i tiktoker sul red carpet”, “Che ha fatto per andare sul red carpet?”, “Lei sul red carpet ed io che ho appena saputo che farò didattica a distanza per tipo tutto l’anno quindi praticamente non uscirò più di casa, ok”, “Siate felici che una vostra coetanea è sul red carpet, non vi va mai bene niente”.

Aurora Celli ha deciso di rispondere a un solo commento, su Instagram. “Ma cinema de che? Fai i tiktok , guarda ndo cazzo stai, sei ridicola“, le ha scritto un hater. Lei ha risposto così: “Intanto ci sono arrivata“.

PS: i nonni di Aurora sono i proprietari di un famoso atelier nel cuore di Roma (il Celli Centro Sposi), mentre suo papà è un famoso imprenditore (fa lo stilista per l’azienda di famiglia). Il bellissimo abito è stato creato da papà?

@aurora.celli

emozionantissima per il mio primo red carpet 😍👸🏻✨

♬ destri – ♡
https://www.instagram.com/p/CGnsQfapctG/

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cos’è la Dream House? Chi sono i suoi componenti? Ecco i dettagli

Giuseppe Barbuto sbotta contro i suoi coetanei: “Non è la fine del mondo se non si può andare in discoteca”