L‘Area 51, la (non così) segreta base militare americana, nelle ultime settimane è stata protagonista di numerosi meme e video da parte di youtuber e influencer. Il motivo? Tutto è nato da un evento creato, su Facebook, da un australiano di nome Jackosn Barnes.

L’evento, che ora è stato eliminato dallo stesso social network, è diventato virale in pochissimo tempo raccogliendo più di 600 mila adesioni. Bastano poche, semplici accortezze per poter prendere parte all’iniziativa: presentarsi il 20 settembre prossimo nei pressi dell’Area 51, in Nevada, e correrci contro proprio come Naruto.

Lo scopo di tutto ciò è, secondo Jackson, quello di portare alla luce tutti i segreti su alieni e tecnologie avanzatissime che dovrebbero essere contenute all’interno della zona protetta. L’intera area, però, è protetta da militari armati autorizzati a sparare su chiunque provi ad oltrepassare il confine. La corsa in stile Naruto serve proprio a questo: arrivare in massa, correndo, contro i cancelli per oltrepassare la sicurezza e i colpi di mitragliatrici.

L’Area 51 e gli youtuber

La viralità dell’evento non ha lasciato indifferenti molti degli influencer e creator italiani. I canali di Gianmarco Zagato, L’inspiegabilie e Infinito vi hanno dedicato, nelle ultime settimane, un video per spiegare la questione.

Singolare avventura è stata quella di Fabio Rovazzi che, in vacanza in Nevada con la fidanzata Kokeshi, ha provato ad avvicinarsi ai cancelli dell’Area 51. Il risultato di questa bravata? Rovazzi e la ragazza sono stati intimati dai militari statunitensi di allontanarsi rischiando di essere sparati.

Cosa succederà il 20 settembre?

Riguardo l’effettiva invasione dell’Area 51 ci sono molti dubbi ma non tutto è perduto. Se in quei giorni doveste trovarvi di passaggio da Rachel, la cittadina del Nevada che ospita la zona militare segreta, potreste prendere parte all’Alienstock.

A partire dal 20 Settembre, ci saranno dei giorni di festival incentrati sugli alieni con musica, cibo ed esibizioni di star internazionali (non ancora annunciate).

Gli organizzatori dell’evento un’affluenza di circa 15 mila persone. Il comune di Rachel ha pubblicato sul proprio sito ufficiale una notizie in cui si avvisano gli eventuali turisti di “munirsi di attrezzature da campeggio in quanto nel paese non sono presenti né negozi né distributori di carburante”.

Noi, e tutto il mondo del web, attendiamo il 20 settembre con ansia. Come andrà a finire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *