in

[TW] Antonio Medugno, ban su TikTok: “Mi accusano di abusare su mia sorella, assurdo”

Antonio Medugno ha avuto uno spiacevole incidente social: il suo account TikTok è stato bloccato. Il motivo sembra davvero assurdo!

Antonio Medugno e la sorella
Antonio Medugno e la sorella

Antonio Medugno è veramente seguitissimo su TikTok: conta ben più di 3 milioni di follower. Numeri altissimi, senza dubbio, che però sono stati stroncati proprio oggi. L’account TikTok, di Antonio è stato bloccato ed il motivo sembra veramente assurdo: Antonio è accusato di @busare di sua sorella! Avete capito bene. Secondo la piattaforma, i suoi video violano le linee guida per questa ragione. Spesso lo vediamo con la sorellina più piccola: si divertono entrambi a creare contenuti!

Ad ogni modo, lui si è lasciato andare ad un duro sfogo riguardo questo ban. Su Instagram ha spiegato che il rapporto che lo lega alla sorella è molto profondo, ed è uguale a quello che ha con il fratello. Amore puro, che mai sfocia in qualcosa d’altro:

Assurdo come alcuna gente l’ha avuta vinta su alcuni miei video con mia sorella alludendo che siano video dove dove io abusi di lei, quando è un semplice rapporto che magari noi al sud abbiamo. Così, affettuoso, tra fratello e sorella, fratello e fratello… come io ho con mio fratello, uguale, una morbosità, un amore, che però non deve sfociare in altro. E in questo caso per tutti i duetti che hanno fatto i creator americani, il mio account è stato bloccato definitivamente, dopo anni di lavoro. Per cosa? Per l’ignoranza che regna.

Dobbiamo anche considerare che Antonio Medugno, come tant* altr*, lavora con i social, specialmente con TikTok, quindi la perdita del profilo è per lui un danno enorme. Oltre al fatto che, in base al suo discorso, è per lui umiliante ed ingiusto venire etichettato in questo modo. Il messaggio che vuole dare è di bene ed amore fraterno, non certo trasmettere al pubblico la gravità di un abuso del genere:

Veramente, spero mi possano ridare l’account, da 3.4 milioni di follower. Perderlo per cosa? Perché si allude che io… Veramente, che schifo. All’invidia e alla repressione non ci sarà mai cura!

[Foto: Instagram]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.