in

Anthony iPant’s svela quanto guadagna con Youtube: “Il mio stipendio? Poco sopra il migliaio di euro”

Attorno al mondo dei creators c’è sempre una grande curiosità relativa ai guadagni. Di solito, quando qualcuno glielo chiede sfacciatamente, i creators non rispondono. Anthony iPant’s, invece, l’ha fatto. Intervistato da Il Messaggero, lo youtuber che fa trio con Jody Cecchetto e Red Nose ha svealato i suoi guadagni:

“Quando ho iniziato e fino a tre anni fa c’era una regola empirica ma abbastanza fedele: ogni milione di visualizzazioni, la piattaforma ti dava mille euro grazie alla pubblicità che passava prima e durante il video. Poi c’è stato un cambio delle regole, l’hanno chiamato Adpocalypse (da Ads, pubblicità in inglese): le aziende non volevano che i loro spot venissero associati a video dal contenuto scorretto o volgare. Così ora ogni video viene prima controllato e riceve un bollino, verde, giallo o rosso. Se è verde, può ospitare tutte le pubblicità, se è giallo solo alcune, se è rossa nessuna. Io faccio quattro video al mese, non sempre sono verdi: arrivo a uno stipendio di un lavoratore, poco sopra il migliaio di euro”.

I veri introiti, ha ammesso Anthony i’Pants, sono gli sponsor:

Sono loro la vera partita è questa, le aziende vogliono branded content, quindi contenuti sponsorizzati. Ci sono delle difficoltà perché non sono tante le aziende disposte a larciarci mano libera a noi sbandati. Però arrivano sempre più richieste, a volte poco etiche, ma noi non partecipiamo a schemi piramidali o altre truffe da influencer.

Per una sponsorizzazione si posson arrivare a guadagnare anche più di 10mila euro:

Un sempio? Ci siamo divertiti con un app di incontri. Ci hanno dato massima libertà, e abbiamo fatto delle storie su Instagram in cui prendevamo in giro una loro campagna pubblicitaria precedente. Abbiamo guadagnato 12 mila euro, da dividere per tre.

Mica male. Anche perché a tutto questo bisogna aggiungere pure Twitch, la radio Rds Next e altro ancora…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *