in

“Cosa ti lamenti che fatturi 10 volte più di un operaio?” – Anima asfalta l’hater e chiede rispetto

Sascha decide di rispondere a chi lo critica per non sentirsi un privilegiato.

Anima
Anima

Ieri sera Anima ha lavorato fino a tardi, cosa che gli capita spesso. A differenza di altre volte, però, Sascha ha deciso di commentare ironicamente il fatto per sdrammatizzare la sua stanchezza (“Che bello continuare a lavorare alle 10.30 di sera. Oh sono proprio un ragazzo fortunato“). In DM c’è chi l’ha rimproverato in malo modo: “Che ca**o ti lamenti che fatturi 10 volte di più di un operaio che lavora 10 ore al giorno. E’ la cosa minima“. Il creator, che specifica subito di avere totale rispetto rispetto per gli operai e per tutti i lavoratori, ha deciso di replicare una volta per tutte nelle Storie Instagram:

Frustrato? Ma tu che ca**o ne sai di quanto guadagno e di quante ore lavoro al giorno. E di quanta creatività serve nel mio lavoro e di quante persone collaborano con me e pago. A questo non ci fai caso eh?

Successivamente ha voluto ricordare al commentatore l’impegno e il sacrificio che da anni, ogni giorno, mette nel suo lavoro:

Se non lavoro e sei stipendiato dai genitori, non parlarmi neanche che vi metto i piedi in testa dopo 10 anni da lavoratore autonomo. Ho creato insieme a pochi altri il lavoro dello youtuber in Italia quando non esisteva. Non sai quanto sacrificio ho fatto per guadagnare (e reinvestire sempre) quello che prendo ora. Se mi voglio lamentare, lo faccio e tu non devi scassarmi il ca**o che di acqua ne deve passare sotto i ponti prima di arrivare a fare quello che ho fatto io. Se sto lavorando fino a quest’ora è perché ci tengo a tutto quello che ho costruito. Torna dormire o a cazzeggiare sui social. Ti riesce male pure quello. Solitamente ignoro ma goni tanto la gente deve ricordarsi cosa è il rispetto e quando è meglio tenere la bocca chiusa per non sembrare un ultracrepidiano (cerca su Google se non sai il significato) depensante.

Alla fine Anima ha pubblicato una foto del 14 settembre 2014, in cui si vede lui insieme agli altri Mates, e aggiunge:

7 anni fa, quando gli youtuber e adolescenti di ora avevano ancora il sogno di fare il calciatore da grande, ora vogliono fare tutti il mio lavoro. Onorato di aver cambiato parte della nuova generazione.

Anima ha parlato: il rispetto del lavoro altrui ci deve essere sempre a prescindere dall’occupazione. Perché fare lo youtuber è un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *