in ,

Alex Djordjevic: ecco chi è il macho de Il collegio 4

Alex Djordjevic
Alex Djordjevic

Alex Djordjevic è uno degli alunni protagonisti della quarta edizione de Il collegio, il docureality di Rai2 in onda da martedì 22 ottobre 2019. Il quindicenne di Nerviano (MI), castano occhi chiari, frequenta il primo superiore. E’ responsabile, estroverso e molto sicuro di sé.

Ecco cosa dice di lui nella clip di presentazione del programma:

Nella vita avrò successo, per me e per la mia famiglia.

La mia famiglia è la cosa più importante della mia vita. Sinceramente conta più la felicità di mia madre, che la mia felicità.

Ho perso mio papà quando avevo circa sette anni. Al funerale gli ho fatto una promessa, quella di prendermi cura della mia famiglia. Quello è il mio obiettivo e lo raggiungerò.

Io mi piaccio: se fossi stata una ragazza sarei già all’altare con me.

A Il collegio ci vado da single.

Alex Djordjevic social

Alex Djordjevic: cosa dicono i genitori di lui

Con Alex ho un rapporto forte perché per lui sono sia madre che padre.

Alex è un ragazzo spiritoso e gentile. Fa il duro, ma lui è fragile dentro. E’ un po’ vanitoso.

Mamma

Alex Djordjevic: curiosità

  • Ha tre sorelle più piccole e un fratello più grande.
  • Orfano di padre.
  • Ha origini croate.
  • Sogna di fare lo stilista o l’attore o almeno di avere successo e diventare ricco per fare stare bene la propria famiglia.
  • Ha un orecchino a forma di croce sull’orecchio sinistro.
  • Su Instagram scrive: “Io voglio solo far diventare ricca la mia famiglia. E’ cosa più importante: far rendere orgoglioso mio padre di me, spero che almeno da lassù lui sia felice, perché io lo sono, la sua perdita mi ha cambiato, ho capito cosa vuol dire crescere senza un padre… quindi fidatevi: trattate i vostri genitori come se fossero tesori, perché se magari se ne vanno lo rimpiangerete”.
  • Su Instagram scrive: “Prometto a me stesso e alla mia famiglia, a mio padre, che anche se farò carriera salirò in alto e diventerò qualcuno, non mi monterò la testa, tratterò ogni persona bene (sempre se lo merita), cercherò in ogni modo di restare con i piedi per terra, ricordandomi della persona che ero prima, ricordando cosa mi ha insegnato il mio passato”.
  • E’ stato paragonato a Denis Dosio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *