in

Ecco l’avvincente storia di Ale Vans, il nuovo Mark Caltagirone di Twitter

Dopo un anno di assenza, tornano in voga le finte identità: ecco a voi il nuovo Mark Caltagirone targato Twitter, Ale Vans. Tre giorni fa una ragazza ha raccontato sul social la sua esperienza con un giovane commesso di un noto negozio di abbigliamento, scopriamo cosa è successo!

La storia di Ale Vans

Questa ragazza, citando una discussione precedente su Twitter, tiene a sottolineare quanto siano carini per lei i ragazzi ricci. Per rafforzare la sua posizione, inventa di sana pianta una storia d’amore. Dopo aver acquistato prodotti nel negozio Vans, decide di citare un giovane commesso chiamato Ale, rivisto dopo aver riconsegnato dei capi il giorno seguente. Lui, riconoscendo la ragazza dal giorno precedente, intraprende una chiacchierata con la ragazza e decide quindi di scriverle il proprio numero di telefono sullo scontrino.

La conversazione su Whatsapp

Dal momento del secondo incontro, Ale e la ragazza hanno cominciato a scriversi su Whatsapp. La conversazione è andata avanti, tanto che poco dopo lui le ha chiesto di rivedersi. Ovviamente essendo lui un commesso in quel momento non poteva messaggiare, quindi le ha dato appuntamento ad un altro momento. Quello però sarà l’ultimo messaggio tra i due: come Mark, anche per Ale ci sarà un qualcuno che svelerà la sua falsa identità…

La bufera social e le vette delle tendenze

Ale Vans raggiunge le tendenze di Twitter quando gli utenti cominciano a far notare incongruenze nella storia. Una ragazza, di nickname @diorbells, svela un dettaglio passato inosservato a molti: la chat della fantomatica ragazza è in realtà con se stessa! Questo perchè quando su Whatsapp mandi un messaggio al tuo stesso numero l’app non ti permette di effettuare chiamate e videochiamate e, di conseguenza, oscura i suddetti tasti. Da qui allora è partita un’ampia discussione sul perché quella ragazza abbia dovuto inventare una storia per essere sulla bocca di tutti. Poi, come di norma, sono nati moltissimi meme sulla storia!

Riuscirà questa storia a spodestare quella televisiva di Mark Caltagirone?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *