in

La Ace Family rischia lo sfratto dalla loro villa da 7 milioni di dollari per non aver pagato le tasse: ecco cos’è successo!

La Ace Family rischia lo sfratto per non aver pagato parte del mutuo. I loro problemi finanziari finiscono in rete e diventano virali!

Austin e Catherine Mcbroom
Austin e Catherine Mcbroom

Ancora una volta la Ace Family si trova al centro dell’attenzione. La famiglia composta da Austin McBroom, sua moglie Catherine e i loro tre figli questa volta rischiano lo sfratto dalla propria abitazione. Ma come mai rischiano l’escomio dalla lussuosissima villa?

Secondo alcuni documenti riportati alla luce proprio sui social media, la nota famiglia, che è solita mostrare il lusso in cui vive, non avrebbe pagato parte del mutuo e alcune tasse. E proprio per questi motivi se la famiglia non prenderà provvedimenti verranno espropriati dalla propria abitazione, che sarà pignorata.

Ma non finisce qui! Questo piccolo incidente di percorso, gli è costato non solo la casa ma anche due cause legali, da parte di due aziende. Inoltre, è emerso che Austin oltre ad essere il proprietario della sua azienda Ace Hat Collection, Inc… che pare fatturi 3 milioni di euro all’anno, possiede anche parte dell’azienda Social Gloves e questo ha scatenato l’ira dei combattenti che non sono stati ancora pagati…

Dal noto incontro Youtuber VS Tiktoker tenutosi il 21 giugno e vinto dalla categoria youtuber, molti dei combattenti ancora oggi non sono stati pagati. Tra cui Vinnie Hacker che ha raccontato tutto nel Bff’s podcast.

I combattenti non sono stati pagati, gli artisti non sono stati pagati, nessuno è stato pagato! -Neanche Bryce Hall è stato pagato? No non che io sappia!

Si pensa che anche questo sia stato un problema di McBroom, anche se il team di Social Gloves dice di lavorare instancabilmente affinché tutti vengano pagati al più presto! Nonostante ciò sono state moltissime le persone e fan della famiglia che vorrebbero dargli sostegno. Ci auguriamo che risolvano nel minor tempo possibile i loro problemi.

[FOTO:INSTAGRAM]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *